Serie d

Vado, parla il presidente Franco Tarabotto: “Ambiente sereno, un plauso ai giocatori”

Il numero uno del sodalizio rossoblù esprime la sua soddisfazione dopo la vittoria contro il Chieri

Vado. Il numero uno del sodalizio rossoblù Franco Tarabotto torna a parlare dopo il successo contro il Chieri: 1 a 0 ottenuto grazie al calcio di rigore trasformato da Di Renzo.

Il presidente elogia la prestazione della squadra: “Non posso fare altro che essere contento, ma io ero quasi sicuro che ce l’avremmo fatta dopo aver visto il secondo tempo a Castellanza. Se si fa tesoro di queste lezioncine e si va avanti probabilmente diventa molto utile per il prosieguo. Io ho chiesto un campionato tranquillo, che però mi faccia passare delle belle domeniche, e sento che c’è la consapevolezza di essere una squadra che dà l’anima in campo. Sono stati tutti bravissimi e ci sono state diverse occasioni per raddoppiare. Ripeto, mi piace molto lo spirito che hanno i ragazzi, secondo me iniziato a sbocciare l’anno scorso”.

Parole di stima anche nei confronti di mister Marco Didu: “Si è integrato perfettamente e siamo contenti che sia venuto qui da noi. Lo Bosco quando è uscito lo è andato subito ad abbracciare, un segnale che è apprezzato e si è creato un legame veramente bello. Credo che meglio di così non si possa desiderare a livello ambientale”.

Ma qual è la vera forza del Vado?Il presidente” risponde scherzosamente Tarabotto, per poi riprendere seriamente: “Secondo me sono diverse le nostre forze: i giocatori che ci sono e nessuno si mette in mezzo discutendo con i tesserati. Quello che tutti devono capire è che hanno un presidente un po’ emotivo e a volte ha qualche eccesso che bisogna concedergli“.

 

leggi anche
Vado Chieri
Tre punti
Serie D, Vado batte Chieri: il rigore decisivo realizzato da Di Renzo
Chieri
Serie d
Calcio: il Vado torna a esultare, successo di misura sul Chieri (1-0)

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.