Polemiche in vista

Toti propone anche Vado per ospitare un rigassificatore: ipotesi lontana, ma caratteristiche tecniche favorevoli

La sindaca Giuliano: “Non ne so nulla”. Il caso di Bergeggi, già alle prese con il deposito costiero di GNL

rigassificatore

Savona/Vado L./Bergeggi. Solo l’ipotesi, avanzata dal presidente Toti, della possibilità che nel mare di Vado venga ospitato un rigassificatore, ha scatenato polemiche e preoccupazioni (ad esempio di Alleanza Verdi-SI e del M5S) perché, è noto, Toti è il grande tessitore di tutto ciò che avviene in Liguria.

Va subito detto che le probabilità che ciò avvenga sono davvero minime, mentre dal punto di vista puramente tecnico Vado sarebbe più idonea rispetto all’altra location ipotizzata dal presidente, cioè il porto petroli di Multedo. Ma si sa, parlando più in generale, che quando possono i genovesi tendono a mangiarsi l’aragosta e a sputare poi le chele dalle nostre parti.

Va anche subito aggiunto che la sindaca di Vado, Monica Giuliano, è prontamente intervenuta affermando che a lei non sono giunte notizie di alcun genere sul rigassificatore.

Dicevamo invece che, tecnicamente, Vado sarebbe in pole rispetto ad altre località perché potrebbe sfruttare il tubo sottomarino già esistente e poi quelli della centrale Enel per trasferire il prodotto trasformato alla rete nazionale di distribuzione, uno delle caratteristiche principali per decidere la location dell’impianto. Le due grandi navi che costituiscono l’impianto sarebbero posizionate invece al largo.

Il tutto getta un’ombra non proprio piacevole soprattutto su Bergeggi, che vive di turismo e dove un rigassificatore nei paraggi non sarebbe certamente accolto come una grande idea, considerato che la località è già alle prese con l’installazione del deposito costiero di GNL (gas naturale liquefatto), questo sì nel territorio di Bergeggi. Tra l’altro Alice Bianchini, consigliera di minoranza di CambiAmo, ha chiesto alla sindaca Rebagliati di esprimersi con chiarezza sugli eventuali pericoli che il deposito potrebbe comportare.

Va infine ricordato che, nei vari progetti che coinvolgevano attività portuali e Bergeggi, tutti gravidi di problemi per una località turistica, rumori compresi, è sparito quello che avrebbe potuto essere il più interessante, cioè una sorta di bellissima montagnola che avrebbe dovuto separare il porto da Bergeggi.

leggi anche
rigassificatore toti
Ipotesi?
Toti apre all’ipotesi di un nuovo rigassificatore in Liguria: “Se salta Piombino siamo disponibili”. Vado tra i possibili siti
Gas, fornello
Contrarietà
Ipotesi rigassificatore in Liguria, Alleanza Verdi Sinistra: “Fuffa elettorale, la Regione punti sulle rinnovabili”
rigassificatore toti
Attacco
Ipotesi rigassificatore a Vado o Multedo, M5S: “Proposta inaccettabile e confusa”
rigassificatore toti
Incentivo
Rigassificatore e caro energia, la proposta di Toti: “Giù le bollette per chi ne ospita uno”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.