Polemiche

Pulizia torrenti Savona, Russo: “Nessun ritardo. Dispiace si aizzino polemiche facendo leva sulla preoccupazione dei cittadini”

La minoranza ha punto la giunta sui tempi dei lavori

Torrente Letimbro Savona

Savona. Durante il consiglio comunale di oggi pomeriggio del Comune di Savona la minoranza ha attaccato la giunta sui tempi dei lavori per la pulizia del torrente Letimbro e dei rii.

Sono state presentate tre interpellanze. Il consigliere comunale Maurizio Scaramuzza ha chiesto come procedono i lavori di pulizia dei torrenti e punge la giunta sul “ritardo”: “L’ideale sarebbe stato intervenire a fine agosto come faceva la scorsa amministrazione”. Sui tempi fa eco l’ex assessore e consigliere Pietro Santi: “Arrivare a fine settembre in questa situazione è molto pericoloso“. Sul punto interviene anche il consigliere Fabio Orsi: “Al 19 settembre non si aveva contezza di nessun tipo di intervento per la pulizia e la messa in sicurezza dei rii e quanto deve essere svolto”. La richiesta che arriva dalla minoranza è “l’esercizio dei poteri di ordinanza da parte del sindaco per motivi di sicurezza pubblica“.

I lavori erano partiti il 19 settembre “ottenuta l’autorizzazione da parte della Regione”, aveva spiegato l’assessore ai lavori pubblici Lionello Parodi. Immediata la replica del sindaco Marco Russo: “Io resto esterrefatto. Viene da chiedersi se mentre amministravate – dice rivolgendosi ai consiglieri di opposizione – eravate a conoscenza di quello che succedeva. Gli interventi di manutenzione annuale sono sempre avvenuti in questo periodo. L’anno scorso sono iniziati il 17 settembre e durante l’alluvione erano ancora in corso. Non c’era stato nessun ritardo”. “I progetti sono sempre stati inviati a Regione Liguria entro il 20 agosto”, ha replicato Santi.

E il sindaco ricorda: “Le novità di quest’anno sono due: gli interventi annuali avvengono in una condizione migliore perchè abbiamo effettuato dopo l’alluvione con un’ordinanza abbiamo fatto interventi in alveo sia di taglio dei tronchi che di risagomatura”. E conclude: “Dispiace si aizzino polemiche facendo leva sulla legittima preoccupazione della popolazione. E’ brutto che si giochi su questo”.

Alla luce dei mutamenti climatici Russo sottolinea che “gli interventi si potrebbero concepire in modo diverso. Abbiamo avviato con la Fondazione Cima una programmazione sia per quanto riguarda gli interventi strutturali sia per le azioni di protezione civile”.

L’assessore Lionello Parodi è intervenuto presentando gli interventi che saranno realizzati in futuro per la mitigazione del rischio idraulico in città: “Abbiamo fatto controllare le aste sotto i ponti del Letimbro per verificare che non si fosse rialzato il fondo”. Per quanto riguarda gli interventi strutturali sarà allargato il fiume a nord del ponte di Santa Rita (470 mila euro), ci sono un milione e 200 mila euro per via Bonini per cui è in corso la progettazione, poi sarà allargato il rio Molinero sotto via Stalingrado e via Buonarroti. Saranno messe due briglie all’altezza della seconda capelletta sul Letimbro e un’altra sul Lavanestro per 1 milione e 400 mila euro. “Per questi interventi stiamo lavorando in modo sodo, sono interventi che vanno fatti“, ha sottolineato Parodi.

leggi anche
Vegetazione torrente Letimbro Savona
Al via
Savona, al via la pulizia dell’alveo del torrente Letimbro
Torrente Letimbro vegetazione Savona
Richiesta di intervento
Vegetazione nel torrente Letimbro, la minoranza: “Intervenire subito, anche con poteri di ordinanza”
Letimbro Savona
Interpellanza
Pulizia Letimbro e tombini a Savona, Santi al sindaco: “Ancora nulla è stato fatto, quando iniziano gli interventi?”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.