Tracciabilità

Filiere agricole, controlli fitosanitari: aumentano i certificati elettronici

Primo semestre dell'anno: 1.400 certificati fitosanitari di esportazione, per le importazioni emessi 2.750 nulla osta

Prodotti Fitosanitari

Liguria. Il Servizio fitosanitario regionale, nel corso del primo semestre 2022, ha mantenuto l’elevato numero dei controlli fitosanitari sui vegetali e prodotti vegetali in importazione ed esportazione, secondo la normativa vigente.

“Tra le risultanze – spiega il vice presidente della Regione Liguria con delega all’Agricoltura Alessandro Piana – l’emissione di 1.400 certificati fitosanitari di esportazione, come risultato di una importante attività di monitoraggio e controlli aziendali con esami visivi e di laboratorio specifici, ad esempio per la tutela delle aree produttive dal pericoloso organismo nocivo Xylella fastidiosa, per cui la Liguria ha mantenuto e comunicato ufficialmente lo stato di free-zone”.

“La certificazione ha interessato soprattutto il comparto floricolo con fiori e fronde recise, piante in vaso e materiale di moltiplicazione con spedizioni dirette verso i mercati nord americani, nord europei, asiatici e britannici. Da evidenziare che, nel corso del 2022, è stato implementato l’utilizzo del certificato elettronico (Phyto) per gli Stati Uniti ed altri Paesi terzi, siglato digitalmente. Lo stesso, da agosto, anche per il Regno Unito. L’utilizzo del Phyto ha indubbi vantaggi di tracciabilità, velocità, sicurezza ed economicità”.

“Permette di raggiungere l’obiettivo, espletati i controlli previsti, di una concreta semplificazione procedurale con l’eliminazione dei documenti cartacei”.

“Nel corso dei prossimi mesi questo importante strumento verrà progressivamente utilizzato anche per tutti gli altri Paesi Terzi. Sulle importazioni invece sono stati emessi 2.750 nulla osta. Le attività sono state effettuate nei porti di Genova, la Spezia e Vado Ligure-Savona” conclude.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.