Di nuovo

Bruciano i boschi alle spalle di Alassio: vigili del fuoco, volontari, canadair ed elicottero al lavoro fotogallery

È partito intorno alle 12,45 in zona Madonna della Guardia (in Regione Cavia, nella frazione di Solva)

Agg ore 15.30 Il canadair e l’elicottero continuano ad effettuare passaggi nella zona ancora interessata dalle fiamme, sulla parte a ponente del fronte dell’incendio; nella parte di levante, invece, il rogo pare essere ormai sotto controllo. A terra, invece, continuano a lavorare i vigili del fuoco ed i volontari Aib. Sul posto, intanto, stanno affluendo altri volontari della protezione civile.

La situazione sembrerebbe essere sotto controllo. Le fiamme sono rimaste lontane dalle abitazioni.

Agg ore 14.55 A terra stanno ancora operando i vigili del fuoco ed i volontari Aib, mentre in cielo l’elicottero è stato affiancato dal canadair, che ha già effettuato numerosi lanci.

Agg ore 14.10. I boschi alle spalle di Alassio continuano a bruciare. Sul posto stanno operando i vigili del fuoco di Albenga, l’elicottero regionale e il direttore delle operazioni per lo spegnimento. Presenti anche i volontari Aib di Albenga, Andora e Zuccarello ed i carabinieri forestali.

Si cerca di contenere le fiamme che, a tratti, sembrano in procinto di scollinare anche in zona Albenga. Preoccupazione, ad ora, per una casa minacciata dalle fiamme.

Alassio. Dopo lo spaventoso rogo che ha minacciato case ed abitazioni alle spalle di Laigueglia e Alassio nel weekend appena trascorso, un nuovo incendio è divampato poco fa alle spalle della Città del Muretto. 

Stando a quanto riferito, il rogo si sarebbe originato, per cause ancora da accertare, in zona Madonna della Guardia (in Regione Cavia, nella frazione di Solva) con un denso fumo visibile anche a grande distanza. 

Sospinte dal vento, infatti, le fiamme stanno prendendo sempre più piede ed è subito scattato l’allarme.

Sul posto, è presente una squadra dei vigili del fuoco, che sta operando proprio in questi minuti, e si attende, minuti, l’arrivo dell’elicottero regionale. 

Si tratta dell’ennesimo incendio (il terzo) divampato, nel giro di un mese circa, nella zona del comprensorio ingauno.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.