Replica

A Savona lo “Ius Soli”, PD: “Essenziale favorire l’integrazione”

La risposta al centrodestra in vista dell'ordine del giorno nel prossimo Consiglio comunale

Piazza Sisto Savona Comune savona Palazzo Sisto Savona

Savona. “Le dichiarazioni del centrodestra per quello che riguarda l’ordine del giorno presentato sul tema dello “Ius Soli” seguono la solita strategia: quando un argomento è scomodo o fa paura si butta la palla in tribuna con la scusa delle ‘altre priorità’. Un film già visto”.

Lo affermano Stefano Martini, segretario comunale PD, e Luca Burlando, consigliere comunale PD, primo firmatario dell’ordine del giorno che sarà discusso nel prossimo Consiglio comunale. Il documento, sottoscritto da tutta la maggiorana, chiede che venga introdotto nello statuto il riferimento al principio Ius soli, a riprendere in tal senso il conferimento della ‘cittadinanza onoraria’ del Comune di Savona.

“Gli argomenti che la Lega e il consigliere Orsi evidenziano rappresentano indubbie emergenze che devono essere affrontate, ma quello che risulta difficile capire è il motivo per il quale si porrebbero in contrapposizione con una tematica importante come quella dell’integrazione” aggiungono i due esponenti Dem.

“Viviamo periodi molto difficili, lo scoppio di nuove guerre e i grandi cambiamenti climatici faciliteranno nuovi flussi migratori, è nostro dovere come forze politiche confrontarci sull’argomento e non scappare”.

“Confidiamo per questo motivo che il prossimo Consiglio comunale possa essere l’occasione di un vero e sano confronto sulle nostre idee di integrazione. Noi senza alcun timore o vergogna continueremo a sostenere convintamente che chi nasce in Italia, frequenta le nostre scuole e gioca nelle nostre società sportive è un cittadino italiano” concludono.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.