Daspo urbano

Sorpreso a spacciare a Savona, il questore gli vieta di accedere e fermarsi vicino ai locali di Santa Rita per due anni

Il “daspo urbano” è un efficace strumento di prevenzione nell’ambito del contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti e alla cosiddetta criminalità diffusa

polizia di stato savona

Savona. Il questore di Savona ha emesso un “daspo urbano” nei confronti di un uomo che, durante un servizio antidroga effettuato dalla squadra mobile a luglio scorso in diversi quartieri della città, era stato arrestato in flagranza di reato nella zona di Santa Rita con l’accusa di detenzione a fini di spaccio di stupefacenti. In quell’occasione erano anche stati sequestrati una certa quantità di cocaina e denaro in contanti.

A seguito di tale misura l’uomo non potrà accedere per due anni a locali (quali bar, pub, caffetterie, enoteche, ristoranti o trattorie) situati in quell’area nonché stazionarvi nelle immediate vicinanze.

Il “daspo urbano” è un efficace strumento di prevenzione, previsto dalla Legge 173/2020, nell’ambito del contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti e alla cosiddetta criminalità diffusa.

Il provvedimento è stato emesso nell’ambito dell’attività di prevenzione e di contrasto al fenomeno della criminalità diffusa e dello spaccio di stupefacenti.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.