Promozione

Legino, Fabio Tobia promuove la squadra: “Macagno un leader, facevo bene a vantarmi dei miei giovani”

L'allenatore frena facili entusiasmi ma non nasconde la soddisfazione per come è iniziata l'annata dei verdeblù

Inizia con il piede giusto la stagione del Legino. L’esordio in Coppa Italia ha visto i verdeblù di mister Fabio Tobia imporsi 3 a 1 contro il Ceriale. Non solo il risultato, tra le note positive ci sono i tanti giovani verdeblù che si sono messi in mostra. Un Legino profondamente rinnovato che incuriosisce l’allenatore.

“Il Ceriale – esordisce Tobia –  è un’ottima squadra con grandi individualità. Faranno un campionato di vertice. Noi siamo tutti da scoprire, quasi tutta la squadra era composta da giovani. In questi casi non c’è mai nulla di certo: ti puoi riconfermare nel giro di poco o incappare in un incidente di percorso. Questa sera abbiamo visto che il lavoro fatto è servito. Guardiamo il bicchiere mezzo pieno. Ad agosto il calcio non conta, il calcio vero arriverà con il campionato e quando ci saranno da affrontare i primi inconvenienti“.

L’acquisto di punta del mercato è stato l’attaccante ex Savona Manuele Macagno, che si sta rapidamente prendendo il ruolo di leader non solo tecnico ma anche dello spogliatoio. “Già nelle prime uscite – prosegue Tobia – ha trovato spesso la via del goal, ha una grande propensione al lavoro ed è un trascinatore”.

Il goal di Pescio è la punta dell’iceberg per quanto concerne i tanti giovani leginesi che si stanno affacciando alla prima squadra. Tobia non è sorpreso: “Questi giovani per me sono conferme. Sono stato criticato lo scorso anno perché mi vantavo di avere giovani molto forti, ma oggi ho avuto ragione. Poi, vedremo col passare del tempo. Pescio si allena con grandissima intensità, è sempre in prima linea. Sono contento per il suo goal, arrivato in pratica all’esordio, visto che aveva fatto solo un’apparizione lo scorso anno contro il Borzoli”.

L’auspicio del mister è che Legino possa essere un trampolino di lancio e non un semplice punto di arrivo: “Spero che questi giovani stiano qui non per troppo tempo. Spero che il Legino sia solo un passaggio verso altri palcoscenici“.

Tornando alla gara contro il Ceriale, si è visto un Legino con le solite caratteristiche di corsa e grinta ma non solo: “In alcuni momenti della partita – conclude Tobia – abbiamo saputo muovere la palla e giocare. C’era tanta voglia di farsi notare da parte dei giovani. Non dobbiamo perdere questo entusiasmo, dobbiamo stare insieme e fare gruppo. In queste categorie paga di più essere uomini che giocatori”.

leggi anche
Eccellenza e Promozione
Prima giornata
Eccellenza e Promozione: tutti i risultati della prima giornata di Coppa Italia
Legino-Ceriale
Esordio vincente
Coppa Italia Promozione, buona la prima per il Legino: 3-1 verdeblù contro il Ceriale al Ruffinengo
Stemma Ceriale
Caso
Coppa Italia Promozione, in Legino-Ceriale verdeblù in campo con lo squalificato Diarra: gli avversari annunciano il ricorso
Nicoló Tobia
Prime impressioni
Legino, contro il Ceriale presente sugli spalti anche un tifoso speciale. Al Ruffinengo ecco Nicolò Tobia: “La squadra mi è piaciuta, a Casale mi trovo bene”
Gabriel Cancellara/Alessandro Lingua
Linea verde
Legino, si investe sul futuro: dopo Lingua, ecco Cancellara

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.