Comprensibile

La biblioteca di Borghetto sempre più accessibile: una nuova “agenda comunicativa” per facilitare gli utenti con disturbi cognitivi

Nell'ambito del progetto “Biblioteche per tutti”, elaborato e realizzato dalla dottoressa Federica Calabrese

Borghetto Santo Spirito. La biblioteca di Borghetto Santo Spirito, che da anni ha intrapreso un cammino volto all’inclusione, la scorsa settimana ha beneficiato dei frutti del progetto “Biblioteche per tutti”, elaborato e realizzato dalla dottoressa Federica Calabrese.

“Il progetto ha permesso di dotare gli spazi dell’istituto culturale comunale di segnaletica in Caa (Comunicazione Aumentativa Alternativa) e strumenti per una proficua comunicazione, che permetterà al servizio bibliotecario di essere sempre più vicino ed amico di tutti gli utenti”, spiega il sindaco Giancarlo Canepa.

Federica Calabrese, pedagogista e terapista dell’età evolutiva, specializzata in autismo, Adhd (disturbo da deficit di attenzione iperattività) e disturbi cognitivo-comportamentali e tutor per disturbi specifici dell’apprendimento, ha decodificato ogni sezione della biblioteca in Caa e Pecs (un sistema di comunicazione per scambio di immagini è una forma di comunicazione aumentativa e alternativa), ha creato una vera e propria agenda comunicativa utente/bibliotecaria per lo scambio di informazioni utili al prestito e alla consultazione dei libri e semplificato, sempre attraverso la decodificazione, anche le regole degli spazi comuni.

Biblioteca Borghetto Federica Calabrese

“Il progetto che Federica Calabrese ha regalato alla nostra biblioteca, ci permette di proseguire le attività volte all’inclusione dell’istituto culturale cittadino. A nome mio e dell’intera amministrazione un sentito ringraziamento per la generosità e la disponibilità dimostrata”, conclude il sindaco.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.