Protesta

Caro energia, Tripodoro (Fipe Savona): “Aumenti del 300%, è una speculazione sulla nostra pelle”

"In provincia alcuni locali sono pronti a chiudere"

Savona. “I costi dell’energia elettrica sono aumentati del 300%, questa secondo noi è una speculazione sulla nostra pelle“. A dirlo è Pasquale Tripodoro, presidente Fipe Savona.

Il suo bar nel centro storico di Savona ha aderito all’iniziativa nazionale lanciata dall’associazione di categoria “Bollette in vetrina” e ha appeso le bollette relative allo stesso periodo degli ultimi due anni per mostrare l’aumento vertiginoso. Dopo questa, probabilmente seguiranno altre iniziative di protesta contro il caro energia.

Per il periodo luglio- agosto nel 2020 ho pagato 1050, l’anno scorso 2200 e quest’anno 4040 euro. Oltretutto negli ultimi due anni ho avuto una diminuzione di 7-800 kWh. Non so se siamo fuori di testa”.

“Noi chiediamo una spiegazione e vogliamo sapere i motivi di questi aumenti. Non credo siano aumentate le materie prime per il nucleare o il costo del carbone”, ha proseguito Tripodoro. Oltre ai costi da affrontare, anche difficoltà a reperire alcuni prodotti: “C’è carenza delle bibite gasate, mancano nei magazzini”, ha spiegato.

Alcuni pubblici esercizi hanno aumentato i prezzi del caffè: “Alcuni lo hanno portato a 1,20, altri a 1,30. Alla fine ci rimettono i locali stessi e i clienti perchè vanno a pagare di più“. L’aumento dei prezzi è a discrezione di ogni esercizio commerciale.

L’aumento delle spese da parte degli esercenti potrebbe avere conseguenze sulle attività: “In provincia di Savona, alcuni locali sono pronti a chiudere. Le bollette sono salate e bisogna pagarle”.

leggi anche
rincaro bollette
Allarme
Caro energia, Assoutenti: “Rischio stangata da 5.000 euro a famiglia nel 2023”. Governo pronto a nuove misure
Bolletta contatore bolletta
Ripercussioni
Caro energia, Coldiretti: “Dal gas ai barattoli, in arrivo uno tsunami sui prezzi del cibo”
Luminarie Savona 2021
A savona
Caro energia, incognita luminarie natalizie in centro. Commercianti: “Confidiamo in un aiuto del Comune”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.