Rinuncia

Spaccio ad Albenga, Ciangherotti (FI): “Uscita da associazione di polizie locali ci ha fatto perdere unità cinofila: amministrazione incompetente”

"Il sindaco Tomatis ha deciso di rinunciare al commissario Lupo per affidarsi al fiuto dell'assessore albenganese alla sicurezza Vannucci"

commissario lupo albenga

Albenga. “Ieri pomeriggio ho girato Albenga, accompagnato da alcuni cittadini, per vedere il degrado di molte piazze e strade causato dal mercato della droga a cielo aperto. Da quando Albenga non fa più parte dell’ufficio di sicurezza urbana dell’associazione delle polizie locali riviera di ponente, la città non può più contare sulla presenza del commissario Lupo nella lotta allo spaccio di sostanze stupefacenti. A quanto pare, quindi, per combattere questa brutta piaga sociale l’amministrazione comunale ha deciso di affidarsi al fiuto dell’assessore Vannucci”. Lo dichiara il consigliere comunale e capogruppo albenganese di Forza Italia Eraldo Ciangherotti.

Spiega l’esponente forzista: “Come ormai è tristemente noto a tutti, la sicurezza dei cittadini non rientra tra le priorità di questa giunta (mentre restano ancora ignote tutte le altre priorità). Grazie all’incompetenza dell’amministrazione ingauna, Albenga ha perso l’occasione di far parte di un’associazione che le avrebbe garantito il supporto dell’unità cinofila antidroga”.

“Nell’ottica della lotta allo spaccio di sostanze stupefacenti – prosegue il capogruppo albenganese -, l’importanza di interventi preventivi sul territorio è evidente anche, e soprattutto, alla luce degli episodi di cronaca che si consumano in pieno centro storico a tutte le ore del giorno della notte”.

“Il sindaco Tomatis – conclude Ciangherotti – ha deciso di rinunciare al commissario Lupo per affidarsi al fiuto dell’assessore albenganese alla sicurezza. In questo modo sicuramente gli spacciatori attivi sul territorio staranno in pensiero. Se in ballo non ci fosse la sicurezza dei cittadini e l’immagine di un’intera città ci sarebbe quasi da ridere. Solo che questa, purtroppo, è una triste realtà che non strappa nemmeno un sorriso”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.