Politica

Sicurezza stradale, il gruppo consiliare Borghetto Domani interroga il sindaco su Corso Raffaello

"Abbiamo chiesto all'amministrazione quanti incidenti si sono verificati in quel tratto di strada negli ultimi cinque anni e a quanto ammontano le richieste di risarcimenti al Comune nello stesso periodo"

comune municipio borghetto

Borghetto Santo Spirito. “I problemi relativi alla sicurezza delle sedi stradali e dei marciapiedi, prevalentemente a causa delle radici dei pini marittimi, sono ben note a tutti a Borghetto. Oggi abbiamo avuto notizia della caduta di due persone nell’arco di poco tempo all’incrocio tra Via Ponti e Via Firenze, proprio poco dopo, ironia della sorte, la consegna all’ufficio protocollo di una nostra interrogazione sulla strada che più di ogni altra presenta questa problematica, ovvero Corso Raffaello”. Lo scrivono, in una nota, i consiglieri di minoranza del gruppo “Borghetto Domani” Alessio Reale, Maria Grazia Oliva, Giorgia Rocco e Franco Sarpero.

“Lo stesso sindaco – spiegano -, alcuni mesi fa, aveva ammesso sugli organi di stampa che la strada è ‘molto pericolosa e a tratti impraticabile’, soprattutto sul marciapiede, e aveva annunciato che il progetto di realizzazione di una pista ciclopedonale in quel tratto di strada (che tra le altre cose avrebbe anche risolto il problema delle radici dei pini) era nell’elenco delle opere in attesa di finanziamento da parte della Regione”.

“Abbiamo chiesto perciò all’amministrazione quanti incidenti si sono verificati in quel tratto di strada negli ultimi cinque anni, a quanto ammontino le richieste di risarcimenti al Comune nello stesso periodo, a che punto sia l’iter di progettazione e di finanziamento dei lavori annunciati dal sindaco e, qualora i finanziamenti non arrivassero o anche semplicemente tardassero ad arrivare, come l’amministrazione intenda comportarsi almeno per eliminare o ridurre il pericolo”, concludono gli esponenti dell’opposizione.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.