Work in progress

Savona, non solo prima squadra: Alessandro Grandoni e lo staff già al lavoro per ricreare il settore giovanile

Lo staff dell'ex calciatore blucerchiato ha iniziato nelle scorse settimane il difficile lavoro volta a ricreare un settore giovanile completo

Alessandro Grandoni al Savona

Il Savona del nuovo presidente Leonardo Mordeglia è al lavoro su più fronti. Il direttore sportivo della prima squadra Cesar Grabinski sta lavorando per dare a mister Girgenti una squadra che possa vincere il campionato senza troppi patemi. Sul fronte settore giovanile, invece, l’ex Sampdoria e Livorno, tra le altre, Alessandro Grandoni è già all’oepra al campo “Augusto Briano” del Santuario per ricreare un settore giovanile completo come si aveva prima del fallimento dell’ex società.

“Il nostro è un percorso articolato, sostenuto giorno dopo giorno dal presidente Leonardo Mordeglia e dal vice presidente Umberto Maddalena, con l’obiettivo di dare credibilità al settore giovanile del Savona, al punto di diventare punto di riferimento per i giovani dell’intero territorio. Inoltre la nostra filosofia sportiva è quella di accompagnare il percorso dei ragazzi, all’inseguimento del sogno di diventare ‘calciatori’, senza che questo diventi una fissazione”, commenta lo stesso Grandoni.

“Ho la fortuna – aggiunge – di avere due ottimi collaboratori, quali Sergio Fiorito e Giancarlo Aismondo, persone e sportivi fondamentali ed indispensabili per portare avanti un proficuo lavoro di gruppo. Ringraziamo, sin d’ora, le famiglie che ci stanno dando fiducia, in queste due settimane di “Camp Day” ed anche coloro che sorridono maliziosamente, guardandoci dall’alto verso il basso. Ne prendiamo atto e ciò ci darà forza per migliorare sempre più le nostre lacune”.

“Tengo a precisare – prosegue – che i nostri camp non prevedono nessun vincolo di tesseramento e che il termine ‘provino’ deve essere riferito a noi tecnici istruttori, chiamati a far vedere ciò che sappiamo fare ed organizzare, come ad esempio l’idea di differenziarci con la creazioni di gruppi separati in base all’età anagrafica. Saranno le famiglie ed ragazzi stessi a decidere il loro futuro sportivo”.

Infine, il responsabile del settore giovanile biancoblù precisa come le promesse della scorsa stagione riguardo alle quote verranno mantenute. “Nei prossimi giorni – conclude –  comunicheremo ai media il dettagliato organigramma tecnico dell’intero settore giovanile, mentre a livello organizzativo teniamo a precisare che ogni ragazzo che deciderà di entrare a far parte del Savona non pagherà nessuna quota. Aggiungiamo inoltre che verranno messi a disposizione, per i nostri allenamenti, pulmini adibiti al trasporto di andata e ritorno dagli impianti sportivi”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.