Richieste

Rossetti attacca: “Giunta immobile su risposte ai medici di medicina generale”. Lista Toti: “Polemica strumentale”

Il consigliere regionale Dem: “Le richieste dei medici di medicina generale sono chiare e si possono applicare fin da subito". Lista Toti: "Fissato un incontro"

dottore medico

Liguria. “La carenza di medici di medicina generale e un problema di cui la Regione Liguria e l’assessore alla sanità part-time Toti ne sono a conoscenza da anni e le possibilità per migliorare una situazione fortemente critica ci sono, ma la giunta rimane immobile, sorda alle istanze”. Questo l’attacco del consigliere regionale del Partito Democratico Pippo Rossetti.

“È stata fatta nella scorsa settimana la commissione sanità e finalmente sono state presentate molte proposte concrete, alcune realizzabili in tempi brevi che non ammettono più giustificazioni e ritardi di intervento, altre di cui Toti dovrebbe farsi carico e portarle a Roma, ma mentre in altre regioni si è deciso, noi siamo ancora in attesa che si faccia qualcosa”, ha proseguito.

“Le richieste dei medici di medicina generale sono chiare e si possono applicare fin da subito a partire dall’aumento del numero di assistiti per singolo medico, passando dai 1500 attuali a 1800, aggiungendo però un contributo sulle spese amministrative e di segreteria per evitare il carico amministrativo che caratterizza il loro lavoro; aumentare gli incentivi per i medici delle aree montane, portare a 1.300 il numero ottimale di pazienti; rivedere le compatibilità previste tra incarichi orari e numero di paziemti presi in carico e quelle tra la figura del medico di medicina generale e servizi gestiti. Sono misure chieste dalla stessa associazione dei medici di famiglia che proprio per colmare la carenza di organico a cui si sta andando incontro chiede anche di dare agli ultrasessantenni la possibilità di rimanere in servizio”.

Oggi si è tenuto a Genova in piazza De Ferrari un presidio: i medici della guardia medica sono scesi in piazza per chiedere maggiori diritti, più attenzione per un servizio fondamentale per la sanità ma che è fermo, sia a livello retributivo che di organizzazione a 15 anni fa. “Esprimo piena solidarietà ai medici dell’ex guardia medica – commenta Rossetti -. Dopo una commissione sanità svoltasi a febbraio contavamo su risposte adeguate alle loro richieste sull’applicazione del contratto; il mantenimento di alcuni poli delle cure di continuità; il prosieguo di alcuni progetti che consentono di raggiungere retribuzioni minime. Da febbraio invece è calato il silenzio dell’indifferenza Totiana”.

Immediata la replica della Lista Toti: “L’attacco del consigliere Pd Pippo Rossetti sulla situazione dei medici di medicina generale e della guardia medica è, per l’ennesima volta, puramente strumentale”.

“Intanto perché a proposito delle richieste della guardia medica sa benissimo, pur fingendo di ignorarlo, che il 21 luglio è già fissato un tavolo di confronto con i rappresentanti dei medici, proprio per affrontare alcune problematiche più urgenti, come i carichi di lavoro e la carenza di personale – proseguono -. Regione Liguria ha già manifestato la propria disponibilità a valutare alcune delle proposte avanzate dalla delegazione. Circa la retribuzione, la Regione ricorda che è stabilita dal contratto collettivo nazionale, recentemente sottoscritto”.

“Anche per far fronte alla carenza di medici di medicina generale è in corso un confronto con la Fimmg. Sul tavolo c’è proprio l’aumento del numero dei pazienti, mentre la Regione assicura già un’indennità di studio per le segreterie. Attaccare dicendo che le richieste delle categorie vengono ignorate è, proprio perché falso, semplicemente meschino”, hanno concluso.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.