Cambio

Pietra Ligure, il parco giochi di Lungomare Don Bado si trasforma: sarà inclusivo e accessibile

Con strutture ludiche adatte anche a bambini con disabilità ludico-motorie, sensoriali, intellettive e di altro genere

Lungomare Pietra

Pietra Ligure. La giunta comunale di Pietra Ligure ha recentemente approvato il progetto di fattibilità tecnica ed economica per la riqualificazione architettonica e funzionale dell’attuale parco giochi ubicato sul Lungomare Don Bado, in prossimità del molo Marinai d’Italia, con l’obiettivo di realizzare un parco giochi comprensivo di strutture ludiche adatte anche a bambini con disabilità ludico-motorie, sensoriali, intellettive e di altro genere.

I lavori, che avranno inizio nell’autunno 2022 e dureranno circa 6 mesi, interesseranno l’ampliamento dell’area giochi che passerà dagli attuali 123 metri quadri a 248 metri quadri, il rinnovo integrale della pavimentazione antitrauma decorata con ambientazioni legate al mondo marino e la realizzazione di nuove aiuole piantumate ad alberi ad alto fusto in grado di garantire ombra naturale.

L’intervento pone particolare attenzione all’inclusività sociale e all’accessibilità, con il fine di favorire i processi di socializzazione e integrazione delle persone e contribuire all’incremento dell’inclusione sociale e, di riflesso, anche ad una maggiore integrazione delle famiglie.

Il progetto, dal costo complessivo di 115 mila euro, è finanziato per circa 90 mila euro con fondi propri comunali, cui vanno aggiunti 2.500 euro destinati dalla Società Mutuo Soccorso “Nicolò Taramasso 1854” all’acquisto di un gioco inclusivo e per la quota restante con la partecipazione ad uno specifico bando regionale.

Commenta il Sindaco di Pietra Ligure Luigi De Vincenzi: “Continuano le azioni programmatiche della nostra amministrazione verso una città realmente inclusiva e accessibile, che sa integrare tutte le sue componenti e ridurre le diseguaglianze. Da diversi anni siamo un Comune Bandiera Lilla, riconoscimento che ci sta particolarmente a cuore perché riassume perfettamente il quadro valoriale che ci caratterizza e sintetizza bene il ‘dna” inclusivo’ che sta alla base del nostro agire e che trova concretezza in molteplici progetti e iniziative come, a livello infrastrutturale, la progressiva e continua azione volta all’abbattimento di tutte le barriere architettoniche presenti sul territorio comunale, ivi comprese la realizzazione di ascensori per permettere agevole accesso alle spiagge di levante e la costruzione di un sottopasso sotto il tracciato ferroviario per permettere l’accesso alla passeggiata di ponente. Un ringraziamento speciale va alla Società di Mutuo Soccorso ‘Niccolò Taramasso 1854’ per il prezioso contributo che hanno voluto offrire alla comunità e che permetterà l’acquisto di un grande gioco inclusivo e un ringraziamento ai nostri uffici, per l’impegno sia sul versante della progettualità e della fase esecutiva, che in quello del reperimento dei fondi attraverso la partecipazione ai bandi”.

Parco Giochi Inclusivi Pietra

Commenta l’assessore ai lavori pubblici e al demanio Francesco Amandola: “La riqualificazione e l’ampliamento dell’area giochi sul lungomare Don G. B. Bado è un risultato importante di cui siamo molto contenti che va nella direzione di valorizzare al massimo una infrastruttura molto frequentata sia dalla nostra comunità che dai turisti. Dotare la nostra cittadina di aree dedicate ai più piccoli e alle famiglie rinnovate, inclusive e accessibili è certamente una priorità della nostra amministrazione. Il raddoppio dell’area e l’attenzione alla progettazione delle aiuole e del verde e la cura degli arredi daranno vita ad una isola funzionale e colorata dove le famiglie potranno socializzare e passare il tempo in allegria e piena sicurezza, a due passi dal mare e circondati dal verde. L’obiettivo è quello di realizzare uno spazio privo di barriere architettoniche o sensoriali, pensato per permettere la massima libertà di movimento anche con l’utilizzo di ausili, sia ai bambini che ai loro accompagnatori. L’intervento sul lungomare del centro, che prenderà il via in autunno, è il primo e sicuramente il più radicale e importante ma si inserisce in un più ampio e corposo programma di manutenzione straordinaria di tutti i parchi gioco comunali che stiamo elaborando in queste settimane e che prevedrà, a seguito di sopralluoghi e a seconda dei casi, interventi sulle pavimentazioni e sulle strutture ludiche e, in caso di sostituzione, se sarà possibile, sarà data priorità all’introduzione di giochi inclusivi. C’è l’impegno, da parte dell’amministrazione, a migliorare tutte le aree dedicate ai più piccoli, con l’obbiettivo che siano tutte sicure, facilmente accessibili e il più possibile inclusive, ma anche accoglienti e curate”.

Commenta l’assessore alle politiche sociali Marisa Pastorino: “Con questo intervento, aggiungiamo un altro tassello alle molte le iniziative di inclusione sociale messe in campo dalla nostra amministrazione. Progetti come l’aver ufficialmente intrapreso, da poche settimane, il percorso per far diventare l’intero nostro centro storico una ‘Dementia Friendly Community’ o, ancora, ‘il progetto ‘P.S.O. Pietra Social Outdoor’, iniziativa innovativa di inclusione sociale che unisce il turismo, il sociale e l’outdoor, nascono da un’attenzione e una sensibilità particolari verso le persone con bisogni speciali che sono da sempre una nostra priorità. Da tempo ci stiamo impegnando affinché a Pietra Ligure, unico tra i Comuni del comprensorio, ci sia un parco giochi a cui i bambini con disabilità possano accedere in modo semplice, autonomo, libero e ancor più liberamente possano giocare con tutti gli altri bambini, godendo appieno dell’esperienza ludica e offrendo agli uni e agli altri la possibilità di socializzare senza distanze e distinzioni e sperimentare una vera interazione, priva di ostacoli, confini ed esclusioni. Oggi questo progetto, che ha il supporto anche dei Comuni dell’Ambito territoriale sociale 21 di cui Pietra Ligure è capofila, è realtà e dalla prossima primavera le nostre comunità e i turisti potranno fruire di un ‘luogo’ privilegiato dove fare esperienza della pari dignità di tutti e delle pari opportunità per tutti”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.