Priorità

Estate 2022, vertice in Prefettura: piani di emergenza per caos viabilità nel savonese

Lo stop ai cantieri non basta in vista degli afflussi turistici. Rafforzati anche i controlli su spiagge, litorali e per la prevenzione degli incendi boschivi

Savona. Viabilità, lotta agli incendi boschivi e vigilanza del litorale costiero al centro della riunione del Comitato provinciale dell’ordine e della sicurezza pubblica.

Nella mattinata odierna si è svolta una riunione presieduta dal Prefetto Enrico Gullotti, a cui hanno preso parte i responsabili delle Forze di polizia, i Sindaci del Capoluogo e dei Comuni litoranei, il Rappresentante della Provincia di Savona nonché i referenti delle concessionarie stradali e dell’Anas, del Servizio 118 e del Volontariato di protezione civile.

L’incontro, nella prima parte, ha visto una analisi della situazione sulla sicurezza pubblica nella provincia, con particolare riferimento al dispositivi di prevenzione e di controllo del territorio in relazione nelle aree di maggior concentrazione dei flussi turistici e in quelle dove si sono registrate in passato situazioni di criticità e/o di minor percezione della sicurezza.

Al riguardo, al fine di incrementare le sinergie già in essere con le amministrazioni locali, si è concordato di avviare un percorso per la stipula di un nuovo Patto per la Sicurezza per la Città di Savona che preveda, tra l’altro, un’implementazione dei sistemi di controllo tecnologico del territorio.

La seconda parte dell’incontro è stata dedicata alle problematiche di maggiore impatto connesse all’avvio della stagione estiva:
– situazione infrastrutture stradali ed autostradali;
– fruizione e vigilanza del litorale;
– prevenzione incendi boschivi.

In ordine al primo punto, il Prefetto, dopo aver evidenziato le questioni che riguardano i Comuni costieri, interessati durante la stagione estiva da significativi flussi turistici, e le principali arterie di collegamento stradali ed autostradali a causa delle attività manutentive e cantieristiche in corso, ha chiesto aggiornamenti sulle iniziative poste in essere per ridurre le tensioni di cui risente il sistema viario provinciale.

I rappresentanti delle concessionarie, ciascuno per la propria parte, hanno dato rassicurazione circa la chiusura/rimozione di alcuni cantieri durante il periodo estivo in modo da consentire una deflazione delle criticità riscontrate nelle ultime settimane. In particolare è stato evidenziato che si è data già attuazione al piano condiviso con Regione Liguria, Anci e Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, che prevede l’eliminazione di tutti i cantieri impattanti sulla circolazione nei fine settimana.

Si è anche dato atto che i flussi veicolari degli automezzi leggeri si sono sensibilmente ridotti di circa 8% rispetto al 2019 mentre, nei giorni feriali, si è registrato un significativo incremento percentuale dei transiti dei mezzi pesanti.

Sotto il profilo organizzativo, i gestori autostradali hanno inoltre riferito di aver implementato il personale su strada sia per l’assistenza agli utenti che per intervenire celermente in occasione di situazioni di difficoltà.

La dirigente della Polizia Stradale ha ribadito la necessità della pronta attivazione, in caso di necessità, dei piani di emergenza assicurando, in tale contesto, il massimo coinvolgimento del personale della sezione.

Anche il rappresentante della Provincia di Savona ha reso noto che sono stati sospesi i cantieri sulle tratte di competenza provinciale fino al prossimo mese di settembre, fermi restando gli interventi di taglio dell’erba che tuttavia non creano problematiche alla viabilità.

Incendio taggia A10

In relazione al tema della prevenzione incendi boschivi, il Prefetto ha richiamato la massima attenzione delle amministrazioni comunali e degli enti proprietari/concessionari delle arterie sul rischio di incendio boschivo e di interfaccia, invitando all’adozione di tutte le misure di prevenzione necessarie tra cui, in primis, il taglio dell’erba sui bordi strada e nei pressi dei centri abitati.

Al riguardo, il rappresentante del Comando provinciale dei Vigili del Fuoco, ha confermato l’attivazione delle collaudate procedure di intervento per la lotta agli incendi, con l’impiego di personale da terra e di velivoli della flotta antincendio, precisando che, in forza della convenzione stipulata con la Regione Liguria, nelle giornate di maggior rischio che vengono individuate attraverso apposito algoritmo, il dispositivo di soccorso verrà implementato con squadre aggiuntive e con personale abilitato per le esigenze della suddetta flotta aerea.

Sulla scorta di specifiche direttive del Ministero dell’Interno, ha quindi richiamato l’attenzione dei Comuni sulla necessità che sia pianificata, nei rispettivi territori, la realizzazione e la manutenzione – se già presenti – di un adeguato numero di idranti per agevolare gli interventi di spegnimento da parte dei Vigili del Fuoco.

E ancora i mirati servizi di prevenzione svolti dalle Forze di polizia nel settore: il comandante provinciale interinale dei Carabinieri ha comunicato che il Gruppo forestale dell’Arma svolge mirate attività di controllo delle aree a rischio oltre che investigative per l’individuazione dei responsabili di condotte illecite, sottolineando che dall’inizio dell’anno il medesimo Gruppo è già intervenuto in occasione di una ventina di incendi: inoltre, essendo stato dichiarato dalla Regione Liguria a decorrere dallo scorso 24 giugno lo “stato di grave pericolosità”, le attività dei Carabinieri forestali si sono focalizzate anche sulla repressione di qualsiasi accensione di fuochi e sull’applicazione delle conseguenti sanzioni ai trasgressori del divieto.

Con riferimento al tema della vigilanza dei litorali e delle spiagge, il comandante della Capitaneria di Porto ha riferito che dal 18 giugno è, come di consueto, in atto l’operazione “Mare sicuro”, nell’ambito della quale i militari hanno già espletato 320 controlli demaniali; 200 su stabilimenti balneari, circa 20 su spiagge libere e 100 in materia di tutela ambientale riguardo all’Area marina protetta di Bergeggi.

Raccogliendo le richieste dei Comuni di Savona e di Alassio, si è assicurato il supporto della Capitaneria di Porto nei servizi di controllo delle spiagge libere espletati dalle Polizie locali per contrastare eventuali fenomeni di bivacco e campeggio abusivo in alcuni tratti di litorale.

il Prefetto ha infine anticipato che sarà convocata a breve presso la Prefettura una riunione del Comitato Operativo Viabilità per monitorare l’efficacia delle misure adottate dagli enti proprietari e gestori delle rete viaria stradale e autostradale ed affrontare tempestivamente eventuali situazioni di emergenza che dovessero prospettarsi.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.