Doppio spettacolo

Borgio Verezzi “paese del teatro”: giovani talenti in scena al Gassman

"Piccola Città" con la Compagnia del Barone Rampante e la regista-attrice Elena Gigliotti

Questa mattina si è svolta, presso la sala consiliare del Comune di Borgio Verezzi, la presentazione di “Piccola Città”, con la Compagnia teatrale del Barone Rampante: l’opera di Thornton Wilder interpretata dai ragazzi e delle ragazze della compagnia – e’ un progetto formativo a cura della regista e attrice Elena Gigliotti, che andrà in scena al Cinema Teatro Gassman di Borgio Verezzi il 4 e il 7 agosto alle ore 21.

A fare gli onori di casa il sindaco Renato Daquino, il vicesindaco Pier Luigi Ferro, i consiglieri Sonia Garofalo delegata al progetto “Il Paese del Teatro” e Anna Maria Porrini. Presenti oltre alla regista e attrice Elena Gigliotti, alcuni giovani della Compagnia, la scenografa e costumista Anna Varaldo e tre membri del Consiglio direttivo dell’associazione di Borgio Verezzi, che danni promuove giovane talenti nella recitazione (la presidente prof.ssa Marcella Rembado, i consiglieri prof. Roberto Trovato e Daniel Tonetti).

“Piccola Città” ci porta in un ricordo lontano, attraverso un viaggio spazio- temporale in cui in una piccola città si ritrovano le piccole persone, le piccole cose, le piccole necessità che oggi, chissà come, ci hanno fatto arrivare sin qui, soli, feriti e stanchi, eppure pronti ad affrontare delle sempre più grandi cose, nelle sempre più grandi città, nel tentativo di diventare delle sempre più grandi persone. e rimproveriamo ai nostri figli di non essere come eravamo noi e di non apprezzare le cose, mentre noi stessi perdiamo la memoria senza averla sufficientemente tramandata e ci pentiamo in segreto di non aver avuto abbastanza tempo e spazio per essere grati alla vita, totalmente. Questo spettacolo diventa così un patto generazionale” afferma Elena Gigliotti.

“Sono proprio quei giovani che oggi ci chiedono di fare un passo indietro mentre loro sembrano così avanti da sembrarci irraggiungibili. Eppure, sono esattamente come eravamo noi, come siamo noi…”.

“Hanno paura, amano, piangono, sono inconcludenti e felici o realizzati e infelici. tutto e il contrario di tutto. sono vivi. con i loro corpi, i loro desideri, i loro sogni. “piccola città” è un progetto che richiede oggi loro di fermare il tempo, guardare al cielo, respirare, ballare insieme, nell’affannoso ed eterno desiderio di cambiare il mondo, partendo da ciò che è piccolo e vicino nella loro memoria, e nel loro cuore. guardando loro, guarderemo noi. perché la piccola città, per loro, siamo prima di tutto, noi. non tradire questo patto significa celebrare noi stessi, loro e l’umanità intera, senza più colpe, senza più rimorsi. ricominciamo da capo, perdendoci in uno struggente ricordo di un bagno a mare, sospesi fra il cielo e l’acqua, in procinto di tuffarci nella vita, mentre gli anni passano e le stagioni fanno il loro corso. siamo ancora vivi” conclude.

E continua la prevendita dei biglietti presso la segreteria dell’Ufficio del Festival Teatrale di Borgio Verezzi da lunedì a domenica, mattino 10.30 – 13.00, pomeriggio 16.30 –18.30 (biglietti acquistabili, salvo sold out, anche le sere stesse di spettacolo presso il Teatro Gassman dalle 18.30).

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.