Valutazione

Autorità portuale Savona, dopo l’incendio del 2018 al via analisi tecnica sulla nuova sede

Sono stati affidati i due servizi che dovranno indicare lo stato di salute dell’edificio

Incendio autorità portuale

Savona. Sono stati affidati i due servizi che dovranno indicare lo stato di salute dell’edificio sede della Autorità di Sistema Portuale, dopo l’incendio che lo ha devastato nell’ottobre 2018.

Il primo è il servizio di verifica di sicurezza strutturale, ai sensi delle Norme Tecniche sulle Costruzioni 2018, affidato al servizio di ingegneria iQuadro Ingegneria S.r.l., al fine di considerare un possibile ripristino dell’immobile di via dei Calafati a Savona; il secondo, assegnato all’operatore economico Vico S.r.l., riguarda la bonifica e la messa in sicurezza dei materiali combusti.

Le attività tecniche che saranno svolte consistono nel rilievo e mappatura del danno, nel piano di indagine sulla struttura e sui materiali, nell’esecuzione delle analisi specialistiche, nella caratterizzazione meccanica e nella valutazione della sicurezza ai sensi dell’NTC2018.

Tali indagini risultano indispensabili al fine di valutare l’attuale sicurezza strutturale dell’edificio, a seguito dell’incendio occorso nell’ottobre 2018, per fornire informazioni tecniche di supporto decisionale al fine di considerare i possibili interventi di recupero dell’immobile, ovvero ipotizzare soluzioni alternative quali parziale ripristino previa demolizione selettiva.

Come prima fase i tecnici provvederanno al piano delle indagini attraverso lo studio della documentazione riguardante la costruzione dell’immobile, a cui seguirà la valutazione sulle modalità di messa in sicurezza dei materiali elettrici, isolanti e plastici irreparabilmente danneggiati dall’incendio e che richiedono cautele nella rimozione.

leggi anche
incendio autorità portuale
Dopo 4 anni
Incendio alla sede dell’Autorità Portuale, entro novembre la decisione sul futuro dell’immobile

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.