Prima categoria

Albissole lavori in corso, mister Sarpero: “Gioco d’attacco, confermato il tridente Rebagliati-Calcagno-Romano”

L'entusiasmo del mister per il ritorno e la voglia di regalare soddisfazione agli Zueni: "Gli ultras la nostra arma in più"

Carlo Gino Sarpero

Per mister Carlo Gino Sarpero, l’Albissole rappresenta un ritorno. Vice di Luca Monteforte in Eccellenza ed ex tecnico della juniores nazionale, quest’anno ha il compito di compiere un altro passo verso il ritorno ai vecchi fasti, dopo il tassello posto lo scorso anno da mister Gasparlin. Nella scorsa stagione, l’allenatore genovese ha condotto alla salvezza nel girone C di Prima Categoria la formazione del Mura Angeli.

L’Albissole dovrà giocare lontano dal “Faraggiana” perché verranno effettuati lavori per la sistemazione dell’ormai usurato manto sintetico. Anche per questo non ci saranno grossi stravolgimenti nella rosa, che gode della piena fiducia di società e tecnico, come spiega lo stesso Sarpero.

Mister, dopo un po’ di tempo riecco il biancazzurro ceramista…

Eh sì, ho avuto la fortuna di poter lavorare con mister Luca Monteforte, il più bravo in Liguria secondo me. Poi, l’esperienza con la juniores conclusa anzitempo per divergenze con la proprietà di allora. Sono molto contento di essere tornato.

Il girone “B” è forse il più difficile?

Secondo me sì. E non solo perché c’è il Savona, che ha nuovamente allestito una squadra forte. Ci sono tante formazioni ben attrezzate e con bravi allenatori. Penso alle genovesi come il Multedo, il Pra’ FC, il Via dell’Acciaio e a formazioni savonesi come Veloce e Vadese. Non è scontato che vinca il Savona…

Potete inserirvi nella lotta al vertice?

Penso che il Savona sia la grande favorita. Vero, lo scorso anno non ha vinto, ma è stata anche sfortunata in alcuni frangenti cruciali. Tante squadre possono dire la loro. Noi proveremo a essere nella “zona sinistra della classifica”.

Serve dunque cambiare molto rispetto alla Seconda Categoria?

No, abbiamo confermato la quasi totalità del gruppo che ha vinto alla grande lo scorso campionato. Tanti giocatori erano scesi in Seconda Categoria da campionati superiori. Al momento abbiamo inserito il centrocampista offensivo Umberto Biello, lo scorso anno con me al Mura Angeli. Cosa serve ancora? Un difensore e un centrocampista. Ci stiamo lavorando con il ds Aldo Lupi.

Avete tenuto i pezzi pregiati…

Sì, il miglior acquisto è stata la conferma del tridente. Sarà mio compito far rendere al meglio e in contemporanea Rebagliati, Calcagno e Romano.

Albissole d’attacco?

Mi piace il calcio propositivo. Desidero che le mie formazioni giochino di squadra e che provino a vincere le partite, senza speculare aspettando l’eventuale errore avversario. Detto questo, il gioco deve essere funzionale per il raggiungimento del risultato. Solo così potremo dire la nostra: gioco di squadra e coraggio. Con un vantaggio in più…

Ovvero?

Il pubblico, solo il Savona può, nel nostro girone, contare su una tifoseria organizzata. Gli Zueni ci daranno una carica importante per affrontare il campionato. Possono davvero essere l’uomo in più.

Roadmap?

Partiamo l’ultima settimana di agosto. Non faremo la Coppa Liguria per la questione relativa al campo di gioco. Ma d’altronde il vero obiettivo è solo uno: arrivare pronti al campionato.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.