Rifornimento in mare

Porto Savona-Vado Ligure: si rafforza il servizio di bunkeraggio, in arrivo la veneziana “Petromar”

Avviso della Capitaneria di Porto sulla procedura e la concessione in atto

Porto Vado Ligure

Savona/Vado Ligure. Si rafforza il servizio di rifornimento di carburante alle navi nei porti di Savona e Vado Ligure.

Lo hanno annunciato sia l’Autorità di sistema portuale del Mar Ligure Occidentale sia la Capitaneria di Porto di Savona che ha pubblicato un avvio pubblico per comunicare l’istanza presentata in data 18 maggio 2022 dalla società Petromar Srl (controllata del Gruppo Getoil) per chiedere “il rilascio della concessione per lo svolgimento del servizio di bunkeraggio alle navi nella rada e nel porto di Savona – Vado Ligure – a mezzo bettolina – per la durata di dieci anni”.

Il servizio avverrà con una nave da 2.000 tonnellate di portata lorda costruita nel 2010 e negli ultimi anni operativa nei porti di Venezia e Chioggia.

L’avviso pubblica precisa infine come “tutti coloro che possano avervi interesse” possono “presentare per iscritto” alla Capitaneria di Porto di Savona, “perentoriamente entro il 27 giugno 2022, le osservazioni che ritengono opportune a tutela di loro eventuali diritti, con l’avvertenza che, trascorso il termine stabilito, si darà corso al procedimento amministrativo in parola”.

Le istanze saranno valutate dalle amministrazioni partecipanti al procedimento che ne daranno conto nel provvedimento finale, ove siano pertinenti all’oggetto del procedimento stesso.

L’avviso è disponibile nella sezione Avvisi della Capitaneria di porto cliccando al seguente link.

Nei due scali savonesi, per i servizi di bunkeraggio, ha da sempre operato la società genovese Ciane, ma dall’estate del 2020, anche la società Maritime Bunker (joint venture fra Maxcom Bunker e Cafimar) aveva chiesto e ottenuto la possibilità di operare nel bunkeraggio navale a Savona e a Vado Ligure.

leggi anche
psa porto di pra' container genova
Finanziamenti
Porti Savona e Genova, dalla quota parte dell’Iva per l’import arrivano 11 milioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.