Scambio

Savona, verso il regolamento dei beni comuni. Russo: “Patto con i cittadini per ottenere una città più vivibile”

Incontro pubblico nella sala della Sibilla del Priamar: ospiti i sindaci che hanno esperienze in questo ambito

Savona. “E’ un momento molto importante e conferma che cerchiamo di rapportarci con le esperienze amministrative virtuose. Il regolamento dei beni comuni è una risposta fondamentale a una doppia esigenza: la costruzione del patto con i cittadini e ottenere un livello di qualità urbana più elevata”. E’ l’introduzione del sindaco Marco Russo all’incontro che si è tenuto oggi pomeriggio nella Sala della Sibilla al Priamar a Savona in merito ai beni comuni.

Presenti i sindaci di Sestri Levante Valentina Ghio, di Chieri Alessandro Sicchiero, di Aosta Gianni Nuti, gli assessori comunali Gabriella Branca e Riccardo Viaggi, il questore Alessandra Simone, il vice presidente della Provincia Roberto Molinaro e alcuni cittadini.

La giunta savonese, in particolare gli assessori Viaggi e Branca, sta preparando il regolamento dei beni comuni e passerà in consiglio comunale nelle prossime settimane.

A Chieri è in vigore dal 2014, ereditato dalla giunta Sicchiero dalla precedente amministrazione e sono coinvolte circa 150 persone: “I cittadini diventano consapevoli dei beni comuni che essendo tali sono di tutti ma rischiano di essere di nessuno“.

Invece una novità per Aosta, dal 2012: “Il bilancio è positivo”, ha sottolineato il sindaco Nuti. L’esperienza portata a esempio è la condivisione tra 30 associazioni del teatro: “Il Comune paga le utenze, loro si occupano della gestione”.

A Sestri Levante, invece, ci sono processi di partecipazione per “andare incontro alle esigenze della cittadinanza”. Tra le principali questioni la creazione di parchi urbani, “preceduta da un anno di lavori partecipati con i residenti dei quartieri interessati”.

Il questore Simone torna sulla necessità di essere presenti e rispondere alla domanda di sicurezza della popolazione: “Bisogna essere vicini ai bisogni dei cittadini. Interagiamo col Comune in modo sinergico al fine di migliorare la visibilità e la prevenzione e essere sempre più attenti ai bisogni dei cittadini. Questo è un bellissimo esempio di come ci si unisce e si uniscono le realtà virtuose per costruire un futuro migliore“.

leggi anche
Piazza Sisto Savona Comune savona Palazzo Sisto Savona
Iter
Savona, la giunta approva il regolamento dei beni comuni: “Serve a rigenerare il senso di comunità”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.