Storia

Savona, l’antica infermeria del Priamar diventa uno spazio espositivo per conoscere cimeli del Settecento fotogallery

Borrello: "Per comprendere appieno il valore di questo luogo bisogna andare indietro nel tempo, quando il Priamar era un avamposto inespugnabile e un carcere"

Savona. E’ per valorizzare e far conoscere una parte di storia antica legata a Savona che una “celletta” dello spazio espositivo presente all’interno del Palazzo della Sibilla è stato allestito con cimeli dell’antiquariato e reperti dell’arte erboristica e farmaceutica antica risalenti a 300 anni fa.

L’infermeria della fortezza nasce sulla base delle testimonianze che ci sono ancora in questa celletta, come gli affreschi che si sono miracolosamente conservati dal 1700 – afferma Giovanni Borrello, che ha curato l’esposizione con il contributo di Confartigianato -. Il fine di questa esposizione è evocare, dare un’idea dell’infermeria che era adibita in questi luoghi 300 anni fa e per fare una full immersion in un’epoca poco esplorata“.

“Per comprendere appieno il valore dell’infermeria bisogna andare indietro nel tempo, quando il Priamar era un avamposto inespugnabile e un carcere temuto dai dissidenti della Repubblica di Genova. L’epoca in cui prigionieri e militari convivevano negli angusti e inospitali spazi della fortezza fianco a fianco, isolati dal resto della città – spiega Borrello -. Fortunatamente, alcuni affreschi presenti nella celletta sono rimasti comprensibili come un vaso da farmacia, uno stemma della Repubblica di Genova, un albero di limoni e una scritta che spiega quale fosse la funzione della stanza in cui si trovano. Sul soffitto infatti si può leggere ‘Chirurg’, un chiaro riferimento al lavoro che si svolgeva a favore delle truppe che alloggiavano proprio nel corpo di fabbrica della Sibilla”.

L’infermeria è inserito negli spazi di P.Articelle, una realtà nata dalla collaborazione tra Comune e Confartigianato dove abbiamo inserito una serie di attività artigianali da un paio d’anni – conclude Mariano Cerro di Confartigianato -. Per arricchire le opportunità è stata così ricostruita questa ambientazione caratteristica della Fortezza del Priamar che è un’occasione per conoscere una parte importante della storia di Savona”.

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.