Uniti nella lotta

Pronto soccorso Albenga, odg di Casella in consiglio ad Alassio: “Va riaperto, ne va della salute di residenti e turisti di tutto il ponente”

"Su un tema di somma importanza come la salute pubblica, non ci possono e devono essere tentennamenti o ragionamenti di opportunità"

Jan Casella Ospedale Albenga

Alassio. “Anche Alassio chieda a gran voce la riapertura del Pronto Soccorso di Albenga”. E la richiesta arriva soprattutto da Jan Casella, consigliere comunale di Alassio Volta Pagina che in occasione della riunione del consiglio comunale in programma domani presenterà (insieme ai colleghi di opposizione Giovanni Parascosso di Alassio Volta Pagina e Martino Schivo di Alassio 365), un ordine del giorno per “chiedere alla Regione la riapertura del pronto soccorso dell’ospedale Santa Maria Misericordia di Albenga”.

“Ad oggi non abbiamo neanche un punto di primo intervento, fatto che provoca disagio e una situazione di potenziale pericolo dirompente, soprattutto con la stagione estiva alle porte – ricorda Casella – E’ giunta l’ora che anche l’amministrazione alassina nel suo insieme, maggioranza e opposizione senza steccati, si unisca in questa vitale battaglia per il nostro territorio e faccia giungere forte il proprio grido di protesta fino in via Fieschi a Genova”.

“Ne va della salute dei cittadini alassini, dei nostri turisti e degli abitanti di tutto il comprensorio. Su un tema di somma importanza come la salute pubblica, non ci possono e devono essere tentennamenti o ragionamenti di opportunità”, conclude Casella.

Nel documento si legge: “Il ponente savonese nel corso degli ultimi decenni ha visto un progressivo e costante impoverimento della propria offerta sanitaria pubblica con la chiusura di numerosi reparti, e che negli ultimi sette anni a più riprese è stata promessa la riapertura di un pronto soccorso sulle 24 ore all’ospedale Santa Maria Misericordia di Albenga”.

“Lo scorso 18 febbraio il presidente nonché assessore alla sanità della Regione Liguria Giovanni Toti ha dichiarato che l’ospedale Santa Maria Misericordia non sarà più dotato di un pronto soccorso”. Tuttavia, ricorda Casella, l’ospedale di Albenga si trova “si trova in un comprensorio che in estate vede aumentare vertiginosamente le presenze in concomitanza con la stagione turistica”. Non solo: l’ospedale risulta essere “un punto di riferimento anche per la Valle Arroscia imperiese e per una parte di basso Piemonte, e che i tempi di percorrenza di strade e autostrade sono spesso molto elevati”.

Poiché “la tutela della salute dei cittadini deve essere la priorità assoluta degli enti locali in primis quello regionale e che il perdurare della chiusura del pronto soccorso albenganese, oltre a rappresentare una minaccia alla salute di residenti e turistici, rischia di avere ripercussioni negative anche sull’immagine turistica del nostro territorio”, Casella chiede al consiglio comunale alassino “di promuovere presso Anci, gli altri Comuni savonesi e della valle Arroscia imperiese una sensibilizzazione sull’importanza della riapertura del pronto soccorso dell’ospedale ingauno” e “di richiedere alla Regione Liguria, agli enti e alle autorità politica e sanitarie competenti, di riaprire al più presto il pronto soccorso del suddetto ospedale”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.