Capisaldi

“Noi per Cairo” svela il programma elettorale, Lambertini: “Per continuare il progetto iniziato nel 2017”

Sette i punti principali, tra cui l'ospedale: "Ignobile la voce secondo cui il San Giuseppe sia in queste condizioni per colpa mia, il declino è iniziato nel 2012"

Noi per cairo

Cairo Montenotte. Tanti progetti e idee per il futuro, ma anche un excursus su ciò che è stato fatto in questi cinque anni. È stato un lungo discorso quello del sindaco Paolo Lambertini durante la presentazione del programma elettorale della lista “Noi per Cairo”, avvenuta questa sera (13 maggio) all’Osteria degli spostati.

Sette i punti principali su cui si basa il progetto che toccano i temi più importanti per la città:  dall’industria al commercio, dalle infrastrutture all’ambiente, dalla cultura allo sport, passando per il sociale, la scuola e la sanità. “Il tutto – dice Lambertini – per amore della nostra Cairo. È vero, alcuni candidati hanno la tessera di un partito, ma questa squadra è slegata da qualsiasi logica partitica. Quello che ci contraddistingue –sottolinea – è il senso di responsabilità, la relazione, il dialogo, la collaborazione e la trasparenza. Abbiamo fatto 1800 giorni di amministrazione e siamo sempre stati tra la gente, dove continueremo a stare”.

E proprio dall’esperienza e da ciò che è stato realizzato in questo mandato che Lambertini e la sua squadra vogliono partire per costruire il futuro di Cairo: “Il programma elettorale della nostra lista – spiega – si inserisce nel progetto più ampio iniziato insieme nel 2017, dove hanno trovato e continuano a trovare spazio tutti i contributi che i cittadini vogliono dare per la costruzione del nostro presente e del nostro futuro”.

Generico maggio 2022

“Abbiamo dimostrato – prosegue – che quando gli interessi che prevalgono sono quelli della città e del bene comune, le cose vanno avanti e si può davvero crescere e migliorare. Siamo partiti nel 2017 da una situazione di immobilismo totale e abbiamo trovato tanti contenziosi aperti, da sanare. E come se non bastasse, su 5 anni di amministrazione, 2 anni e mezzo ci hanno visto in prima linea in una pandemia mondiale che ha messo in ginocchio il mondo”.

“Ci siamo rimboccati le maniche e insieme a tutti abbiamo costruito per la nostra città, con la politica del fare e dell’inclusività che caratterizza tutte le donne e gli uomini di questa amministrazione, insieme al Codice di Comportamento che ci ha guidati già dal 2017, etica e responsabilità, trasparenza, imparzialità e soprattutto assenza di interessi personali da difendere”.

Politiche Socio-Sanitarie

È ignobile – afferma Lambertini – la voce secondo cui l’ospedale sia in queste condizioni per colpa mia, sappiamo benissimo tutti quando è iniziato il suo declino, ovvero nel 2012 quando alla guida della Liguria c’era Burlando. Poi due diverse politiche sanitarie regionali e una pandemia mondiale”. Cosa bisogna fare dunque oggi? “Attraverso una concertazione continua con Asl2 e Regione dobbiamo continuare il nostro ruolo importante di stare seduti ai tavoli di lavoro, essere sempre presenti per portare le nostre esigenze e proposte per ridare sempre più servizi all’ospedale e per avere quanto prima un servizio di emergenza ospedaliera H24 con ambulanze per codici bianchi e verdi e autopresentazione”.

Sono molte altre le richieste di “Noi per Cairo” sull’ospedale: attuazione della chirurgia ambulatoriale; il mantenimento Acirot; l’incremento generale di posti letto; l’attivazione dei reparti di degenza di Medicina e di Recupero e Riabilitazione funzionale; l’aumento di accessi per diagnostica e il potenziamento dei servizi diagnostici (Tac e risonanza); il potenziamento degli ambulatori specialistici; il punto prelievi; il mantenimento delle cure palliative, l’incremento apertura/funzionamento della Dialisi; Progetto India (2° automedica/ambulanza con infermiera operativa).

Sempre riguardo le politiche sanitarie, Lambertini parla anche della realizzazione di una nuova casa di riposo sui terreni di Villa Raggio con una struttura di 60 posti, con servizi integrati per gli anziani.

Industria, Artigianato e Commercio

“La cura del territorio passa inevitabilmente attraverso la tutela e la valorizzazione delle nostre risorse, per questo motivo ci impegniamo a creare sinergie tra tutti i portatori di interesse, creando un sistema integrato tra industria, artigianato e commercio. Bisogna fare in modo che la gente trovi in Cairo una meta verso cui recarsi, continuando a prendersi cura dell’ambiente urbano e non, promuovendo il turismo e aumentando i servizi”.

“La reindustrializzazione delle aree dello stabilimento della Ferrania è un punto importante per il Comune di Cairo – dice Lambertini – cercando di dare priorità per esempio alle aziende manifatturiere”. Attenzione anche al commercio e all’artigianato “con la valorizzazione di piazza della Vittoria attraverso eventi periodici, incentivando la collaborazione tra pubblici esercizi e produttori e aziende locali per promuovere i prodotti delle nostre terre”.

Sociale, Pari Opportunità, Disabilità e Giovani

Tra i progetti che la lista “Noi per Cairo” vorrebbe realizzare in caso di vittoria, lo spostamento dell’asilo nido in via Medaglie d’Oro, per favorire l’incremento dei post disponibili e della qualità del servizio. Attenzione anche ai disabili con il potenziamento del progetto “Dopo di Noi” per rendere possibile la loro indipendenza e la volontà di definire, in accordo con Asl2, posti in convenzione a Villa Sanguinetti.  “Vogliamo rendere Cairo una città per tutti – evidenzia Lambertini -, a prescindere dalle differenze anagrafiche, culturali ed economiche. Non lasciamo indietro nessuno”.

Lavori, Manutenzione, Urbanistica, Sicurezza e Decoro urbano

“Dal 2017 la tutela, il rispetto e la rigenerazione dei beni comuni sono stati attivamente perseguiti con un piano di attività concrete che vogliamo continuare, incentivando una maggiore cura dei luoghi cittadini. Continuiamo anche a rendere più sicura la nostra città, attraverso innovazione e tecnologia”, dice Lambertini sottolineando come in questi 5 anni Cairo abbia ottenuto 7.245.000 euro di fondi da finanziamenti esterni, di cui oltre 4,5 milioni sono già stati utilizzati per lavori già conclusi o in corso: in totale sono oltre 40 i cantieri che sono stati aperti dal 2017.

Per quanto riguarda le infrastrutture, tra le proposte più importanti: il supporto al ripristino dell’impianto di Funivie e il sostegno alla realizzazione della bretella Altare-Pedrosa, oltre alla realizzazione di un ponte di collegamento tra la variante di Moncavaglione e l’area industriale di Bragno. Ma anche la riqualificazione di piazza Abba e via Fratelli Francia, il ripristino del parco giochi a Cairo 2, la sistemazione dell’area antistante il Paviano con la creazione di parcheggi e marciapiede a San Giuseppe, la pulizia della diga della frazione e la creazione di un Parco Fluviale.

Ambiente e Mobilità

“La conformazione del nostro territorio, le conseguenze dei cambiamenti climatici e la pressione industriale rendono il nostro territorio un contesto fragile, per questo motivo vogliamo impegnarci per lo sviluppo, la sostenibilità e la trasparenza”, evidenzia Lambertini.

Tra le idee, il potenziamento delle piste ciclabili e quello delle colonnine elettriche nel capoluogo e nelle frazioni, puntare sulle comunità energetiche e creare un’area fitness e sport all’aperto.

Cultura, Turismo, Natura e Outdoor

“Intendiamo creare sistemi integrati in Val Bormida, credendo fermamente che insieme possiamo fare di più e meglio per valorizzare la Città e il territorio, le aree naturali e i circuiti Outdoor creati. Vogliamo dare seguito al progetto di rete dei luoghi medievali italiani e dei loro eventi storici, continuando a utilizzare tutte le occasioni per dare visibilità alla nostra Città”.

Scuola

“Gli interventi di edilizia scolastica del Comune devono sempre tener conto della sicurezza, sostenibilità e innovazione didattica. I percorsi scolastici devono avvicinare i ragazzi al volontariato, alla coscienza del bene comune. Gli insegnanti e le famiglie devono essere sostenuti e formati sui temi più importanti per i ragazzi. La collaborazione tra amministrazione, famiglie e mondo scolastico continua a essere una risorsa fondamentale”.

Sport, Associazionismo e Volontariato

“Crediamo fermamente che sport, associazionismo e volontariato rappresentino una scuola di valori, un’opportunità di aggregazione ed uno strumento fondamentale per il benessere sociale, con impatto diretto sulla salute, sul turismo e sull’ambiente”.

Amministrazione pubblica, digitale

“La trasformazione digitale della Pubblica amministrazione è necessaria per creare nuove opportunità di crescita, semplificare la burocrazia e rendere i processi decisionali più trasparenti, efficaci e condivisi”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.