Pensiamoci

Un caso

Isola pedonale in centro a Savona, tensione tra commercianti e sindaco: ecco come potrebbe essere il progetto finale

Presto uno studio sui flussi del traffico. Marco Russo: “Processi lenti, pronto al dialogo”

Savona via Paleocapa generica

Savona. Il progetto di un’isola pedonale nel centro della città compare periodicamente nei piani di un po’ tutte le amministrazioni, di qualsiasi colore politico siano. Un sogno (ma per i più tanti un incubo, almeno a seconda delle proporzioni) che si è sempre infranto contro la precisazione che “prima bisogna fare i parcheggi” (ne riparliamo tra vent’anni) o ancora che “però bisogna potenziare il servizio pubblico”: anche in questo caso se ne riparlerà molto più avanti, visto come se la passano le aziende pubbliche dei bus.

Il progetto più ardito comparso negli anni prevede una completa pedonalizzazione del centro, tra via XX settembre e via Gramsci, una sorta di azzardo dalle conseguenze tutte da calcolare.

Di recente il sindaco Marco Russo ha fatto ripartire il discorso sull’isola pedonale, che fa parte del suo programma, ma dopo la sollevazione dei commercianti ha già innestato un’intelligente retromarcia (parlando di “percorso lento” e di “dialogo con i cittadini”) perché è tutto fuorché uno sprovveduto. Noi abbiamo un’idea su come la faccenda potrebbe finire, idea che vi proporremo in chiusura di queste considerazioni.

Partirà intanto, affidato a una società specializzata, uno studio sui flussi del traffico. Banalizzando ma non troppo, si tratta di scoprire che al mattino le auto arrivano dalle direzioni di Albissola e Vado Ligure e nel tardo pomeriggio effettuano il percorso inverso.

A far drizzare le orecchie al sindaco è stata Laura Chiara Filippi, presidente dell’Ascom, preoccupata soprattutto del fatto che possa diventare pedonale via Paleocapa: qui chi tocca i fili muore, anche se si tratta di un’ipotesi remota non fosse altro che per le conseguenze sul trasporto pubblico.

Da valutare anche le ipotesi sul nodo piazza Saffi-Villapiana e sull’impatto della nuova sistemazione del mercato ancora da definire in modo compiuto, ma ci sarà tempo per tutto.

Dicevamo che si può avanzare qualche ipotesi su come l’intera vicenda potrebbe finire. Russo starebbe pensando di pedonalizzate qualche strada raggiungendo l’obiettivo di mantenere fede al programma, accontentare i tupamaros verdi della sua variegata maggioranza e soprattutto rendere più vivibili alcune strade senza creare grossi problemi al traffico, com’è accaduto con successo per la parte di corso Italia di fronte all’ex San Paolo.

Potrebbero essere quindi pedonalizzate strade come via Mistrangelo (considerata ideale prosecuzione di via Pia) e via Manzoni, la cui chiusura al traffico porterebbe più vantaggi che problemi.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.