Occasione

I giardini di Alassio si arricchiscono: in arrivo nuovi fiori da Euroflora

Iniziativa di Anci e Regione Liguria per i comuni con meno di 15mila abitanti. Si mobilitano giardinieri e protezione civile per il ritiro delle piante

Fiori da Euroflora per giardini Alassio

Alassio. “Nei giorni scorsi abbiamo ricevuto la comunicazione da Regione Liguria e da Anci rispetto alla possibilità, a chiusura di Euroflora 2022, per i comuni con meno di 15mila abitanti, di andare a ritirare i fiori in esposizione a titolo gratuito”. Alessandra Aicardi, Consigliera incaricata al Verde Pubblico del Comune di Alassio, spiega così l’iniziativa che sta mobilitando in questi giorni, i colleghi dell’amministrazione, gli uffici, i giardinieri e la Protezione Civile della città.

“Ci siamo organizzati – spiega Aicardi – per coordinare il ritiro delle piante e devo dire che ho avuto massima collaborazione da parte di tutti: dipendenti, giardinieri. La Protezione Civile ci ha subito messo a disposizione i loro mezzi in modo da poter procedere con carichi più importanti. Ringrazio tutti col cuore”.

“Abbiamo già fatto un viaggio, sono andata personalmente – prosegue – e domani ne faremo un altro. E’ stata un’iniziativa davvero inattesa e gradita per cui ringrazio la Regione Liguria e l’Anci che si sono fatti tramite presso Euroflora. Per noi, per le nostre aiuole, è stata una boccata di ossigeno, soprattutto dopo il furto registrato nel nostro vivaio. Sarà un piacere mettere a dimora tutte le splendide essenze che abbiamo avuto modo di scegliere in una delle più spettacolari esposizioni floreali del nostro Paese e non solo”.

“A breve la cittadinanza potrà vedere gli effetti di questo impegno – la conclusione – andremo a sostituire le essenze sfiorite e a decorare aiuole che attendono da tempo piante e fiori”.

Nel frattempo è stata completata la potatura delle palme su passeggiata Ciccione, dove, nei prossimi giorni saranno piantumate altre 10 palme.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.