Musica

Concerto dell’Estate a Cairo: studenti del corso di strumento musicale dell’istituto comprensivo suonano all’anfiteatro Chebello

Dirigente scolastica: "Felice di poterci ritrovare in presenza per questo evento coinvolgente e importante per la vita della nostra scuola, dei ragazzi ma anche dell’ intera comunità"

Violino strumento musica

Cairo Montenotte. Ieri, venerdì 27 maggio, nell’Anfiteatro Chebello di Cairo si è svolto il “Concerto dell’Estate” degli allievi del corso di strumento musicale dell’istituto comprensivo di Cairo Montenotte e della sede distaccata di Dego.

Quest’anno gli allievi dell’orchestra indossano tutti una spilla, omaggio dell’istituto, come simbolo di appartenenza alla scuola e all’indirizzo musicale.

“Questi ultimi due anni – spiegano i ragazzi – ci hanno costretto a lavorare isolati dai nostri compagni appartenenti a sezioni differenti e solo in questo ultimo mese, con l’allentamento delle misure anticovid, abbiamo potuto finalmente collaborare, confrontarci con gli altri e provare il significato delle esecuzioni collettive e la magia che riescono a creare. Il nostro concerto vedrà esclusivamente l’esecuzione dei brevi brani orchestrali che siamo riusciti a mettere a punto con le poche prove collettive a nostra disposizione”.

La dirigente nel suo saluto al pubblico afferma: “Sono felice di poterci ritrovare in presenza per questo evento coinvolgente e importante per la vita della nostra scuola, dei ragazzi ma anche dell’ intera comunità. Innanzitutto vede riunite le diverse componenti della comunità educante: intorno ai ragazzi abbiamo le famiglie, la scuola, le istituzioni. Oggi sono più unite che mai, dopo la grave prova che abbiamo affrontato insieme, ognuno per la sua parte, con collaborazione e fiducia reciproca. Coinvolgente perché c’è la musica, eseguita e interpretata dai nostri bravissimi ragazzi che non si sono fatti frenare o scoraggiare da nulla”.

“Ringrazio i loro docenti, in particolare le professoresse di strumento musicale: Simonetta Scagliotti di pianoforte, Angela Ferrando di violino, Lara Tortarolo di vhitarra, Giorgia Calcagno di flauto – tiene a dire la dirigente -. E le famiglie che hanno sostenuto i loro figli e la scuola. Insieme, docenti e famiglie, hanno saputo mantenere vivi nei ragazzi costanza e motivazione, nonostante tutte le difficoltà e i vincoli di questi due anni”.

“Oggi finalmente abbiamo l’orchestra al completo e dal vivo – aggiunge -. Suonare insieme promuove la cooperazione e l’armonia sociale, lavorando insieme per un obiettivo comune con determinazione e perseveranza. Tutte competenze fondamentali per affrontare il futuro, scolastico e lavorativo, ma anche la vita e le sue avversità. Ringrazio anche il Comune di Cairo, nella persona del sindaco Paolo Lambertini, che è sempre stato presente e vicino alla scuola, nei momenti di necessità come in quelli lieti. Ringrazio le autorità presenti. Rivolgo anche un sentito ringraziamento, a titolo personale e a nome dell’istituto, al tenente colonnello Riccardo Urciuoli, comandante della Compagnia dei Carabinieri di Cairo per aver messo a disposizione le proprie competenze di tecnico del suono, il suo tempo e la sua passione per realizzare questo concerto. Ci auguriamo che in questo frangente ancora così incerto per l’umanità, questo Concerto d’Estate possa essere un vivifico momento per tutti”.

Lo spettacolo è iniziato con l’esecuzione da parte dell’orchestra delle classi prime, dirette dalla professoressa Angela Ferrando, dei brani “Questo è l’occhio bello” e “Il girotondo del re e del la”.
Le còassi seconde, dirette dalla professoressa Giorgia Calcagno, hanno eseguito “Gavotta” di Caroubel e “Allegro in La maggiore” di Jean Baptiste Vanhal. Le classi terze, sotto la direzione della professoressa Angela Ferrando, hanno presentato la “Marcia di King William” di James Clarke e la “Marcia Militare in Re maggiore” di Franz Schubert. Poi segue la consegna dei diplomi di frequenza al corso musicale agli allievi delle terze che quest’anno termineranno il loro percorso musicale.

Il concerto si conclude con “L’Inno alla gioia” di Beethoven, eseguito dall’orchestra della classe terza, con la collaborazione di alcuni violinisti e flautisti di seconda, unitamente al coro delle classi prime e seconde, diretti dalla professoressa Angela Ferrando. E con un omaggio floreale da parte di tutte le famiglie alle docenti di strumento con i ringraziamenti per la loro abnegazione e passione nell’insegnare ai ragazzi la bellissima arte della musica.

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.