Il dibattito

Candidati sindaco di Borghetto a confronto, ci siamo: questa sera il faccia a faccia Canepa-Giraldi

Appuntamento alle 21, al Salone delle Feste di via Viglieri: posti ancora disponibili, senza dimenticare lo scopo benefico a favore della croce bianca

Dibattito Borghetto 2022

Borghetto Santo Spirito. L’attesa è finita: manca solo una manciata di ore, infatti, al faccia a faccia più attesto dai borghettini. Questa sera, alle 21, nel Salone delle Feste di via Viglieri, IVG.it darà vita al confronto tra i candidati alla carica di sindaco, Giancarlo Canepa e Pier Giorgio Giraldi.

La serata rappresenterà per i cittadini di Borghetto l’occasione di vedere davvero a confronto le persone che tenteranno di conquistare il loro voto. Un dibattito contraddistinto da tempi serrati, domande da parte della redazione e le ormai abituali “picconate” volte a mettere in difficoltà i candidati. 

Come da tradizione, non mancherà anche lo scopo benefico, con la possibilità di effettuare donazioni alla Croce Bianca borghettina. 

Finalmente il “duello” si svolgerà alla presenza del pubblico e sono ancora disponibili alcuni posti. Per partecipare sarà necessario effettuare la prenotazione: QUI di seguito il form da compilare per riservare un posto.

 

CANEPA VS GIRALDI: CANDIDATI A CONFRONTO

I protagonisti saranno, quest’anno, Giancarlo Canepa (Borghetto C’è) e Pier Giorgio Giraldi (Borghetto Domani), che si “affronteranno” in un confronto serrato basato sui loro programmi elettorali, ma anche su competenze, idee, carisma, capacità di resistere alla pressione e (perché no) anche all’emozione di trovarsi davanti ad un folto pubblico.

LE REGOLE

La serata alternerà senza sosta e senza schemi rigidi, più formule. La prima sarà quella del confronto classico, con le domande dei conduttori, i giornalisti di IVG.it Luca Berto e Daniele Strizioli: temi identici per tutti e due, ma spesso con un taglio personalizzato per ognuno. 

I candidati avranno 30, 60 o 90 secondi di tempo per rispondere in base alla tipologia di domanda: alcune, infatti, daranno spazio ad argomentazioni, mentre altre saranno più “secche” e dirette. 

Solo per due volte, nel corso della serata, sarà possibile chiedere un “extra time” per proseguire. Altre due volte, in aggiunta, un candidato potrà chiedere di replicare alla dichiarazione di un avversario. 

Uno schema abbastanza rigido nel quale, però, Berto e Strizioli avranno libertà di intervenire con “picconate” e incursioni volte a favorire il dibattito, a sottolineare incongruenze o incoerenze, a impedire i dribbling più evidenti.

La seconda formula sarà quella del “tiro incrociato”, già collaudato nei dibattiti degli scorsi anni: i candidati avranno, nel corso della serata, la possibilità di porre loro stessi una domanda all’avversario.

Il terzo e ultimo format è quello che coinvolge voi lettori e cittadini: la redazione si occuperà di monitorare i social network sottoponendo ai candidati le domande che voi stessi potrete suggerire nei commenti alla diretta. Chiaramente sarà impossibile porle tutte, e di certo non verranno prese in considerazione domande su situazioni eccessivamente specifiche, ma vogliamo comunque instaurare per quanto possibile un “filo” tra chi è sul posto e chi guarda da casa.

ALCUNE SPECIFICHE

I candidati potranno avere con sé appunti cartacei, ma NON dispositivi elettronici (nemmeno gli smartphone).

I candidati, ovviamente, come tradizione di IVG.it impone, NON sono sono a conoscenza delle domande che verranno poste. L’unica informazione di cui dispongono è che nel corso della serata verrà affrontato almeno un tema: quello che loro stessi sceglieranno di sottoporre ai colleghi. 

Per il resto starà a loro essere, come si dice nel giornalismo, “sul pezzo”. Noi faremo del nostro meglio per metterli alla prova: invitiamo tutti i borghettini a fare altrettanto nei commenti alla diretta.

SCOPO BENEFICO: DONAZIONI ALLA CROCE BIANCA

L’iniziativa di IVG.it avrà, come sempre, anche una finalità benefica: la nostra redazione, infatti, ha invitato la sezione locale della Croce Bianca ad essere presente con un proprio “stand” presso il quale sarà possibile effettuare donazioni e conoscere meglio l’attività della pubblica assistenza, che come tutte le associazioni simili “vive” grazie alla generosità dei propri volontari e dei cittadini.




Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.