I nomi

Amministrative 2022, il dado è tratto: ecco le liste in corsa nei 7 Comuni al voto nel savonese

Chiusi oggi alle 12 i termini per la presentazione delle liste

Generica

Savona. Il dado è tratto: alle 12 si sono chiusi i termini per la presentazione delle liste per le prossime elezioni amministrative del 12 giugno, e son quindi ormai chiari candidati e schieramenti che tenteranno di guadagnarsi la guida dei Comuni di Cairo, Borghetto, Noli, Boissano, Altare, Calizzano e Giusvalla.

CAIRO, ZERO SORPRESE: E’ SFIDA A TRE

Il Comune più ambito, naturalmente, sarà quello di Cairo Montenotte, una delle città più grandi della provincia (dopo Savona e Albenga, si contende il podio con Varazze). Tre, come già annunciato, i candidati in campo. Il centrodestra alla fine ha deciso di puntare sul primo cittadino uscente Paolo Lambertini con la lista “Noi per Cairo”, superando le iniziali perplessità: viste le polemiche contro la Regione per l’ospedale, infatti, si era pensato di candidare il vice Roberto Speranza, e alla fine Lambertini per rimanere ha dovuto staccarsi da Cambiamo. Il centrosinistra locale invece, seppur non ufficialmente, si è diviso in due: il Pd e Italia Viva sostengono l’ex sindaco Pd Fulvio Briano, il Psi e l’ex candidato sindaco Matteo Pennino l’attuale capogruppo di minoranza Giorgia Ferrari. Entrambi, comunque, sono formalmente a capo di liste civiche (“+Cairo” e “Cairo in Comune”).

BORGHETTO: CANEPA CONTRO TUTTI

Dopo Cairo, il Comune più grande al voto nella nostra provincia è quello di Borghetto Santo Spirito, dove al sindaco uscente Giancarlo Canepa (“Borghetto C’è”), di area centrodestra, si contrapporrà teoricamente “soltanto” il farmacista Pier Giorgio Giraldi (“Borghetto Domani”), già sindaco della vicina Arnasco dal 1999 al 2009. La sfida però è più articolata, perché su quest’ultimo è confluito l’appoggio di altri personaggi locali che, inizialmente, si era ipotizzato potessero partecipare alla corsa. Uno è l’attuale capogruppo di minoranza di “In Cammino” Giancarlo Maritano, che ha deciso di appoggiare la lista di Giraldi dall’esterno; l’altro è l’ex comandante della polizia municipale Salvatore Montalbano, che (secondo i bene informati) avrebbe contribuito alla composizione della lista proponendo i nominativi di due candidati consiglieri. E a differenza di quanto “vociferato” in un primo tempo, non farà parte della competizione l’ex sindaco di Balestrino Gabriella Ismarro, che dopo due mandati nella piccola località della Val Varatella ha deciso di “prendersi una pausa” dalla vita amministrativa.

NOLI, QUANTI NOMI: E’ BAGARRE POLITICA

Partita combattuta e anche un po’ confusa a Noli, dove l’attuale sindaco Lucio Fossati si è dimesso a dicembre 2021 per ragioni di salute.

A contendersi il posto saranno in tre, tutti a capo di liste civiche ma con l’appoggio informale della politica: il centrosinistra sosterrà Ambrogio Repetto (“Prospettiva Noli”), già sindaco dal 2004 al 2014; Lega e Fdi Marino Pastorino (“Noli nel Cuore”); il M5S Marina Gambetta (“In Repubblica 3.0”). Ci ha provato fino all’ultimo senza riuscirci Giuseppe Niccoli, anche lui ex sindaco (dal 2014 al 2019), che godeva dell’appoggio di Cambiamo e Forza Italia. Aveva già fatto un passo indietro invece un quinto candidato, Marco Genta, legato all’Udc, proprio per evitare di avere troppe liste in un piccolo comune come Noli.

DUELLI AD ALTARE E BOISSANO

Sfida a due ad Altare, dove il sindaco uscente Roberto Briano (“Insieme per Altare“) dovrà vedersela con l’attuale capogruppo di minoranza Giuseppe Grisolia (“Altare con noi insieme”). Duello anche a Boissano, dove l’attuale primo cittadino Rita Olivari è arrivata alla fine del terzo mandato: a succederla sarà uno tra Paola Devincenzi (avvocato, ex consigliere comunale a Pietra Ligure e già candidata sindaco 5 anni fa) e Massimo Zarrillo (geometra e consigliere di maggioranza uscente nonché presidente del locale circolo di Fratelli d’Italia).

CANDIDATI UNICI A CALIZZANO E GIUSVALLA

Solo il quorum sarà invece l’avversario del candidato di Calizzano, il sindaco uscente Pierangelo Olivieri (che è anche presidente della Provincia di Savona): lo attende il terzo mandato, sempre alla guida della lista “Obiettivo Comune per Calizzano”. Fortunatamente un decreto legge ha abbassato dal 50% al 40% la percentuale di elettori al voto necessaria per l’elezione, escludendo inoltre dal conteggio gli scritti all’Aire (i residenti all’estero): due provvedimenti che rendono più semplice evitare il commissariamento.

Candidato unico in pratica anche a Giusvalla, dove si ripresenta per la conferma Marco Perrone (“Per Giusvalla”). Per evitare lo spauracchio del quorum, però, è stata allestita negli ultimi giorni una seconda lista “civetta” guidata da Franco Costantino.

 

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.