Attesa

Torna “Pietra Ligure inFiore”, il sindaco: “Sarà una rinascita, tra meraviglia e stupore”

Sarà sabato 28 e domenica 29 maggio nel centro storico di Pietra Ligure

Pietra Ligure infiore

Pietra Ligure. E’ partito ufficialmente il conto alla rovescia per “Pietra Ligure inFiore”, l’attesissima Rassegna Internazionale delle Infiorate Artistiche, giunta alla sua settima edizione, che torna sabato 28 e domenica 29 maggio, nel centro storico di Pietra Ligure e si prepara ad essere l’evento del settore più importante e più grande d’Europa.

Uno straordinario mix di arte, cultura e tradizione per un evento unico che ad ogni edizione vede la partecipazione di migliaia di persone e che sarà arricchito da numerose iniziative collaterali tra le vie e le piazze del borgo antico, ricoperto da tappeti floreali, vere e proprie opere d’arte effimera. Non solo fiori quindi ma anche suggestivi spettacoli, tra giochi di luce, videomapping, concerti e atmosfere incantate. La manifestazione, a cadenza triennale, è organizzata dal Comune di Pietra Ligure in collaborazione con l’Associazione Circolo Giovane Ranzi, la cui tradizione dei maestri infioratori affonda le radici nei primi anni dell’800 con la celebre “Stella di Ranzi”, che ogni anno in occasione del festa del Corpus Domini anima la piccola frazione pietrese.

L’evento, annoverato tra i più importanti e grandi d’Europa, tutela, promuove e valorizza la conoscenza e le tradizioni legate alla realizzazione delle “infiorate”, antica espressione etnico-culturale di arte effimera, frutto della storia, creatività e abilità, insieme artigianale e artistica, di diverse comunità italiane ed europee. All’edizione 2022, che segna il rifiorire e ripartenza dopo i due lunghissimi anni segnati dal covid-19, parteciperanno oltre 800 infioratori, appartenenti a 50 gruppi provenienti da diverse regioni italiane e 13 città europee – Offenburg e Mùhlenbach (Germania), Bruxelles (Belgio), Ponteareas e Castropol (Spagna), Vila do Conde (Portogallo), Eibiswald (Austria), Anykiai (Lituania), Csòmòr (Ungheria), Cniejéw (Polonia), Chateaumeillant (Francia), Arundel (Regno Unito), Ventspils (Lettonia).

Paese ospite d’onore extra-europeo sarà l’Argentina con la città di Buenos Aires, legata alla Liguria e a Pietra Ligure dagli stretti rapporti storico-culturali originati dall’importante storia di emigrazione della fine dell’Ottocento/inizi del Novecento verso quel lontano paese.

Novità di questa edizione è il contemporaneo svolgimento, all’interno della rassegna internazionale, della 1a edizione del Festival nazionale ”Infiorate dei ragazzi” organizzato dall’Associazione Nazionale Infiorate artistiche “Infioritalia”, che vedrà la partecipazione di 10 gruppi di ragazzi, provenienti da tutta l’Italia, con l’obiettivo di stimolare e formare le giovani generazioni nel proseguire l’antica tradizione dei tappeti floreali ed a strutturare un momento di aggregazione giovanile, intorno a questa forma artistica.

Contribuiscono fattivamente alla realizzazione di “Pietra Ligure inFiore”, le associazioni di categoria pietresi, con il sostegno di Regione Liguria, della Camera di Commercio Riviere di Liguria e della Fondazione De Mari. Sono coinvolti nella manifestazione, inoltre, l’Associazione Nazionale Infiorate Artistiche “Infioritalia”, che raggruppa le Associazioni degli Infioratori e di cui il Circolo Giovane Ranzi è socio fondatore, e l’Associazione Nazionale Città dell’infiorata , che comprende le 21 città italiane con tradizioni d’infioratori e alla quale il Comune di Pietra Ligure è associato.

“E’ davvero tempo di rifiorire! – esordisce il sindaco di Pietra Ligure Luigi De Vincenzi – Questa edizione sarà come sempre un tripudio di arte, culture, profumi, colori ed emozioni, ma sarà un’esperienza “nuova”, di “rinascita” e di ripartenza dopo i due lunghissimi anni segnati dal covid-19, piena di meraviglia, stupore e vera bellezza. L’antica tradizione delle infiorate artistiche rappresenta un’eccellenza dal punto di vista storico e culturale e Pietra Ligure, con la sua frazione Ranzi, è una delle poche località della Liguria che ha preservato questa suggestiva espressione di arte popolare – esordisce il Sindaco di Pietra Ligure Luigi De Vincenzi – L’”lnfiorata” di Pietra Ligure, con i suoi più di 1200 mq di tappeti floreali nella cornice particolare ed inusuale del centro storico, rappresenta un fiore all’occhiello per l’intera Riviera Ligure, per la grande partecipazione di espositori e di pubblico e per l’alto livello di visibilità ed è diventata, negli anni, punto di riferimento a livello internazionale per questa tradizione artistica, oltre che un’eccezionale vetrina per l’immagine turistico culturale della nostra città e potente strumento di promozione territoriale, capace di suscitare una forte attrattiva turistica e di rappresentare un vero e proprio volano per la valorizzazione dell’intero comprensorio pietrese – prosegue De Vincenzi – Quella dell’infiorata è una tradizione di cui siamo particolarmente fieri, uno dei simboli della cultura e dell’arte pietrese ma anche ligure, tanto spettacolare e d’impatto da attrarre ospiti da tutta Italia e da diversi paesi europei e fare di Pietra Ligure la capitale di quest’arte per un intero fine settimana. Eventi come contribuiscono in maniera veramente importante a portare nel mondo l’immagine di Pietra Ligure e ad arricchire di eccellenza la nostra proposta turistica, perché chi viene, tornerà a casa con negli occhi e nel cuore la bellezza e le emozioni che Pietra Ligure sa offrire”, conclude De Vincenzi.

“Siamo davvero molto orgogliosi di tornare con questa settima edizione dalla valenza ancor più internazionale, che vede come ospite d’onore il gruppo di infioratori di Buenos Aires e 13 delegazioni europee, tra cui per la prima volta Regno Unito, Francia e Lettonia e con la bella novità delle “Infiorate dei ragazzi”, a rimarcare il desiderio di guardare con speranza, ottimismo e “freschezza” al futuro – commenta l’Assessore alla cultura e turismo Daniele Rembado – Edizione dopo edizione la rassegna ha acquisito prestigio, confermata dalla partecipazione di città che vantano una lunga tradizione nella storia delle infiorate artistiche, come Genzano di Roma e Gerano, che vanta la più antica infiorata d’Italia, datata 1749, ed è cresciuta in numeri e qualità, diventando un simbolo vincente per quello che il nostro territorio è capace di offrire in termini di bellezza e peculiarità – continua l’Assessore – Siamo consapevoli del ruolo che Pietra Ligure sarà chiamata a svolgere in occasione di questo straordinario evento: un paese intraprendente che sta investendo sul turismo e su uno sviluppo economico basato su un modello di accoglienza che valorizza l’unicità dei suoi prodotti e il fascino delle sue tradizioni. Pietra Ligure è nuovamente pronta a rigermogliare e a trasformarsi in un vero e proprio museo a cielo aperto, accogliendo l’arte e la creatività degli oltre 800 maestri infioratori che, con passione e dedizione, animeranno le vie e le piazze con le loro straordinarie opere d’arte, creando un vero e proprio mix di culture, originalità espressiva, vivacità e colori”, conclude Rembado.

Programma

La manifestazione avrà inizio nella serata di venerdì 27 maggio al Cinema Teatro Comunale Guido Moretti, con il benvenuto alle delegazioni partecipanti e la presentazione dei gruppi. A partire dall’alba di sabato 28 maggio, si entra nel vivo con in maestri infioratori che ci regaleranno l’emozione di assistere al work in progress della realizzazione delle opere: dalla posa dei bozzetti alla preparazione dei fiori, dalla tracciatura dei bordi alla stesura dei petali per formare i “tappeti” artistici, dall’estensione minima di 18 mq, composti principalmente da fiori freschi, interi o sminuzzati, ma anche da bacche, semi, thé, caffè e farine. Per tutta la giornata di domenica 29 maggio, poi, ci potremmo gustare i “quadri” nella loro compiuta bellezza, osservandoli da lontano, per il colpo d’occhio che offre l’accostamento dei colori tra sfumature e contrasti, e da vicino, per stupirsi della meticolosa precisione della disposizione dei petali che danno forma al disegno.

Eventi collaterali

Sono previsti diversi eventi collaterali di intrattenimento per il pubblico, tra cui uno scenografico spettacolo di videomapping sulla facciata della Basilica di San Nicolò, un concerto sabato sera in piazza San Nicolò, con una prestigiosa orchestra sinfonica che suonerà famose colonne sonore e, per tutta la durata della manifestazione, spettacoli itineranti per le vie del centro storico.

Nell’ambito della manifestazione, sia sabato che domenica, è previsto un mercato di prodotti orto-floro vivaistici e delle eccellenze agro-alimentari liguri con il coinvolgimento delle aziende produttrici regionali e con la collaborazione delle varie associazioni di categoria del settore quali Coldiretti Cia e Confagricoltura.

Durante l’intera manifestazione nel Palazzo Comunale si svolgeranno convegni ed incontri, come l’Assemblea dell’Associazione Nazionale Infiorate Artistiche “Infioritalia” e un convegno internazionale sul progetto di costituzione di una “rete” che possa collegare a livello mondiale tutti i gruppi che si occupano di infiorate.

leggi anche
Pietra Ligure Infiore
Conto alla rovescia
Il 28 e il 29 maggio torna “Pietra Ligure Infiore”: tutto pronto per la più grande infiorata d’Europa

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.