Obiettivo

Peste suina, 10mln di euro per l’emergenza sanitaria: ristori per aziende agricole e attività turistiche

Vazio (Pd): "Norme efficaci e risorse per le conseguenze economiche"

peste suina

Liguria. La Camera ha convertito oggi in via definitiva il decreto sulle “Misure urgenti di prevenzione e contenimento della diffusione della peste suina africana PSA”.

Nell’ambito dell’iter parlamentare sono state individuate le risorse, pari a 10 milioni di euro, da mettere a disposizione del commissario straordinario per la recinzione richiesta dagli esperti europei al fine di contenere l’area di diffusione della malattia.

“L’emergenza sanitaria ha comportato gravi conseguenze economiche per il settore agricolo e dell’outdoor, per questo era necessario mettere in campo misure straordinarie, con il coordinamento del commissario, senza procedere con provvedimenti in deroga occasionali” afferma l’On. Franco Vazio (Pd) sull’esito del percorso legislativo avviato in Parlamento.

“La peste suina rappresenta un problema di carattere nazionale, in quanto se superasse i confini attuali della zona rossa l’intera filiera suinicola subirebbe un pesante contraccolpo, dal valore di quasi 2 miliardi di euro, con il conseguente blocco delle esportazioni” aggiunge l’esponente Dem.

“Come avevo ribadito un’emergenza come questa implica l’utilizzo di strumenti eccezionali, norme efficaci e risorse: risarcimento dei danni e ristori, oltre a procedere con un abbattimento selettivo dei cinghiali in grado di ridurre drasticamente il sovrappopolamento, ormai fuori controllo e nefasto per gli agricoltori ma anche per la stessa sicurezza stradale”.

“Per questo il commissario deve avere tutti i poteri e le regioni devono coordinarsi nelle relative ordinanze, in quanto è indispensabile avere una regolamentazione comune tra Liguria e Piemonte sulle deroghe previste per le attività nel nostro entroterra e nelle zone boschive”.

Contenimento ma anche sostegno economico: ““Oltre agli aiutiper la filiera suinicola, è stato approvato un importante ordine del giorno sui provvedimenti di sostegno per le attività che hanno subito danni economici per le chiusure e/o limitazioni derivanti dall’ordinanza ministeriale, in particolare per il comporto del turismo e dell’outdoor”.

“Il sottoscritto, assieme ai colleghi parlamentari, si è impegnato fin dall’inizio dell’emergenza per individuare il miglior percorso possibile per affrontare la situazione, sia dal punto di vista sanitario quanto sul piano economico: serviva unità di intenti e risposte concrete, così è stato fatto. Ora l’attuazione del piano per ridurre la popolazione degli ungulati e accelerare sull’arrivo dei fondi stanziati per i settori produttivi coinvolti dalle restrizioni” conclude Vazio.

leggi anche
cinghiale
Ritrovamento
Peste suina, carcassa di cinghiale rinvenuta a Sassello: attesa per l’esito degli esami

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.