Magazine

L'occhio di vetro

Nuovi inizi

"L'occhio di vetro" è la rubrica di letteratura di IVG e Genova24, a cura di Ilaria Giorcelli

Generico aprile 2022

La Pasqua è alle porte e, per festeggiarla, ho scelto libri che rappresentino i suoi simboli e il senso di rinascita che la Primavera porta con sé. 

“LO SCARABEO DELLA SIGNORINA BENSON”

Un libro che ho amato fin dalla prima pagina, uscito questo febbraio per Giunti. Una storia che mi ha fatto ridere e commuovere, scritta in maniera scorrevole, in cui ogni personaggio- anche se comparirà per poco- è perfettamente descritto: tragico o comico ma sempre dotato di una dignità e una profondità che mi hanno fatto innamorare. Un nuovo inizio, una nuova vita, segnata- nelle anime dei protagonisti- come una X su una cartina della Nuova Caledonia.

“Non mancavano neppure i momenti di gioia; la vita li riserva sempre, anche quando va tutto a rotoli.”

TRAMA

Basta una caricatura- tanto crudele quanto veritiera- scarabocchiata da una sua alunna per costringere Margery Benson ad affrontare la realtà: è una donna pesante, sola, priva di sogni ed ambizioni. Ma un luccichio si risveglia, in quell’Inghilterra dell’immediato dopoguerra, un battito d’ali che la spinge ad affrontare un lungo viaggio- fino in Nuova Caledonia e ancora più in profondità dentro di sé- per scoprire lo scarabeo d’oro. In questo viaggio sarà accompagnata da Enid la sua “assistente” che, così diversa da lei, la costringerà a non essere schiava della vita ma lottare per essa.

Rachel Joyce, classe del’62, è scrittrice, sceneggiatrice e attrice inglese. Vincitrice di molti premi ogni suo romanzo è un piccolo capolavoro: che si tratti del suo titolo d’esordio “L’imprevedibile viaggio di Harold Fry”, il seguito “La canzone d’amore di Queenie Hennessy”, “Il bizzarro incidente del tempo rubato” – editi da Sperling & Kupfer-, o “Il negozio di musica” edito da Giunti

Un libro per i bambini

Nel mondo dei bambini Pasqua vuol dire pulcini, coniglietti, uova colorate e sorprese; in questi due libri, quindi, saranno protagonisti proprio loro.

Per i più piccini

“IL PULCINO DI PASQUA”

Un divertente libro che insegna molte cose, ma la più importante è quella di saper aspettare! Un albo colorato edito da Marameo da sfogliare dai 3 anni in poi. Scritto da Geraldine Elschner e illustrato da Alexandra Junge.

“Non c’era dubbio: la voce veniva proprio dal suo uovo.”

TRAMA

La gallina Tilde è fiera del suo uovo perfetto, ma anche un po’ preoccupata: questo non sembra intenzionato a schiudersi. Il pulcino ha deciso che nascerà a Pasqua, ma non sa quando sarà, e nemmeno la sua mamma, ma è più che decisa a scoprirlo. Non lo sa la capra, né il gatto né il cane, ma la civetta sì e quindi a mamma e pulcino non resta altro che aspettare, emozionati, la Pasqua.

Per i più grandi

“IL CONIGLIO DI PASQUA E L’ESERCITO DELLE UOVA”

Un libro accattivante, ricco di magia e avventura, che sarà gradevole non solo per lettori dagli 8 anni, ma anche per chi non hanno smesso di amare le favole. Troviamo non solo un tostissimo Coniglio di Pasqua ma anche il gigantesco Nicholas Nord, il mago Ombrie Shalazar, la dolce Katherine e un temibile esercito di uova guerriere!

TRAMA

Tutti hanno un’immagine del Coniglietto di Pasqua come carino e dolce, timido e dal codino a sbuffo di cotone, ma in realtà e un Pooka- un antico ordine di Conigli Guerrieri- ed è esperto in arti marziali e caverne nelle profondità della terra. E questo è un bene perché- in questa seconda avventura dei Guardiani- il terribile Re degli Incubi, Pitch, trama vendetta nelle viscere della terra.

William Joyce, americano classe del’57, è un regista, scrittore e illustratore di libri per ragazzi. In Italia solo due volumi, della serie dei Guardiani, sono stati tradotti editi da Rizzoli. A questa serie di libri si è ispirato il film “Le cinque leggende”.

PICCOLE SCHEGGE

Tutti i simboli della Pasqua- le uova, i pulcini e i conigli- rappresentano la nascita, il risveglio della vita dopo l’inverno. Le uova sono, da sempre, simbolo della vita e la tradizione di decorarle e regalarle è diffusa e antica; fin dal medioevo era tradizione tingere- o decorare- le uova e donarle come augurio di prosperità e salute. Nei paesi anglofoni e germanici il coniglio- o lepre- porta piccole uova, come dono, a volte nascondendole per scatenare una vera e propria caccia al tesoro. 

“L’occhio di vetro” è la rubrica di letteratura di IVG e Genova24, a cura di Ilaria Giorcelli. Ogni settimana un piccolo “sguardo” sul mondo dei libri, con alcuni volumi consigliati per piccoli e grandi. Clicca qui per leggere tutti gli articoli

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.