Splendore

L’area marina protetta dell’Isola di Bergeggi compie 15 anni: è la seconda più piccola d’Italia

Prosegue l'impegno per la tutela e la valorizzazione del tuo territorio. Martedì 3 maggio parte il festival "MareFestBergeggi" con tante occasioni per conoscerla

Isola Bergeggi Panorama

Bergeggi. L’area marina protetta dell’isola di Bergeggi compie 15 anni. E’ dal 2007, data della sua istituzione grazie a un decreto dell’allora Ministro dell’Ambiente Pecoraro Scanio, infatti, che viene tutelato e valorizzato il suo mare e il suo territorio.

Dei siti individuati dallo Stato italiano come “aree di reperimento”, ad oggi circa una trentina hanno completato l’iter per l’istituzione di un’area marina protetta. Tra queste quella, appunto, dell’Isola di Bergeggi che, oltre essere l’unica del ponente ligure, è una delle più piccole per dimensioni seconda solo all’AMP di Miramare a Trieste.

I motivi per l’istituzione di una area protetta statale nelle acque antistanti Bergeggi e la sua isola erano e sono dovuti alla presenza di ambienti di straordinario valore naturalistico ed estetico, sia marini che terrestri. Grande merito va dato agli amministratori e ai tecnici che si sono succeduti alla guida e che in questi anni hanno lavorato nel piccolo comune bergeggino, che dell’area marina protetta è l’ente gestore, per tutelare l’ambiente e la biodiversità della zona anche nell’ottica della promozione e valorizzazione turistica di un intero territorio.

In 15 anni tante cose sono successe e cambiate, malgrado le croniche carenze di organico e le poche certezze sui budget annualmente a disposizione, l’AMP Isola di Bergeggi ha attivato numerose collaborazioni con soggetti pubblici e privati, permettendo all’area protetta di diventare un punto di riferimento, non solo locale, per la ricerca, lo studio, il monitoraggio, la tutela della biodiversità marina, la divulgazione ambientale e la promozione di una fruizione sostenibile del mare e delle sue risorse.

I ricchi, quanto delicati, ambienti dell’area marina protetta di Bergeggi sono stati sconvolti dalla forza distruttrice delle mareggiate del 2018 e del 2019, costringendo l’ente gestore a sforzi straordinari nel tentativo di ripristinare condizioni ambientali ottimali ma anche a far fronte ai danni apportati alle strutture. A tal fine a breve dovranno partire i lavori per il ripristino della scala di accesso alla Grotta Marina, per il rifacimento del moletto di attracco e la messa in sicurezza della sentieristica dell’isola.

L’obiettivo per il prossimo futuro sarà quello di incrementare i siti di immersione per i diving autorizzati in modo da contribuire al rilancio dell’attività del settore. I subacquei infatti sono per l’area marina protetta tra i principali interlocutori per la tutela a la valorizzazione della biodiversità marina.

Anche per l’estate 2022 sarà installato in mare il Sentiero Blu di Bergeggi, il percorso di oltre 2,5 km realizzato grazie alle risorse del Progetto Interreg Neptune, che va da Punta Bergeggi ai confini con il Comune di Spotorno. Formato da 27 gavitelli posti a una distanza di 200 metri dalla costa, in uno scenario ambientale e paesaggistico straordinario, permetterà a tutti gli appassionati di nuoto libero, di snorkeling, escursioni in canoa o sub, di praticare la propria attività in sicurezza.

A brevissimo sarà poi la volta di un atteso ritorno: grazie alla preziosa collaborazione di Paolo Cappucciati, sommozzatore professionista, apneista di fama mondiale e grande amico dell’area marina protetta, sarà rimessa in funzione la webcam subacquea che porterà nelle case di tutti gli appassionati in diretta 24 ore su 24 le immagini degli splendidi fondali intorno all’Isola di Bergeggi.

Per festeggiare questo importante traguardo, martedì 3 maggio prenderà il via una una serie di iniziative nell’area dal titolo “MareFestBergeggi”, un festival dedicato all’area marina protetta Isola di Bergeggi, alla fruizione sostenibile del mare e delle sue risorse.

Sarà una settimana ricca che partirà martedì alle 17.30 presso il Circolo Bergeggino, con l’incontro partecipativo organizzato in collaborazione con i dipartimenti di Storia-Geografia e di Scienze Politiche dell’Università di Genova. L’incontro, al quale è invitata l’intera comunità dei residenti, operatori, turisti e fruitori del comune e dell’area marina protetta, sarà un importante momento di confronto sui temi della tutela e fruizione del mare e delle sue risorse, vulnerabilità e resilienza del territorio.

Sabato 7 maggio ore 10.30 presso la Sala Consiliare del Comune di Bergeggi, sarà la volta delle istituzioni. Insieme agli amministratori e ai tecnici che negli anni si sono succeduti alla guida del comune bergeggino e dell’area marina protetta, ci saranno i rappresentanti del Ministero della Transizione Ecologica, della Regione Liguria, delle autorità competenti, istituti di ricerca e associazioni a vario titolo coinvolti e interessati alla tutela e valorizzazione del mare, che faranno il punto dei 15 anni di attività dell’AMP, sui progetti e prospettive future della piccola ma importante area marina protetta del savonese.

Gran finale domenica 8, con l’edizione “zero” della MareFestBergeggi, da un’idea del nuovo direttore dell’AMP Davide Virzi e del vulcanico Alex Chiabra, una giornata dedicata alle attività di fruizione sostenibile, consapevole e accessibile dell’area marina protetta con attività per tutti. Kayak, sub, laboratori sui cetacei, caccia al tesoro, yoga in spiaggia, animazioni naturalistiche e tanto altro.

Nelle acque antistanti il litorale saranno invece le imbarcazioni che parteciperanno alla regata organizzata da Savona Yacht Club, valida come prova del campionato di primavera savonese, a dare spettacolo e a sfidarsi a colpi di virate e strambate tra le boe dell’Area Marina Protetta. Tutte le attività sono gratuite.

Generico aprile 2022

 

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.