Riqualificazione

Andora, dopo quasi due mesi riapre l’Autogrill verso Savona: restyling da 600mila euro

Ampliamento e rinnovamento dei locali food e nuovi servizi offerti ai clienti

area di servizio autofiori

Ponente. Verrà riaperta entro le ore 14 di giovedì 14 aprile 2022 la rinnovata area di servizio Valle Chiappa sulla A10 Savona – Ventimiglia, tra gli svincoli di San Bartolomeo e Andora in direzione Savona.

Gestita in subconcessione da Maglione, secondo operatore ristoro nelle autostrade e titolare del marchio Sarni, l’area di servizio è stata sottoposta ad un importante intervento di ammodernamento del valore di oltre 600 mila euro, finalizzato ad innalzarne gli standard qualitativi a beneficio dell’utenza autostradale.

Ampliamento dell’offerta commerciale, nuovi servizi alla clientela e attenzione per il risparmio energetico sono state le linee guida della riqualificazione lanciata da Autostrada dei Fiori e Maglione lo scorso febbraio 2022.

La progettazione ha permesso di sfruttare al massimo gli spazi dotandoli di più moderni impianti tecnologici: dal WIFI gratuito all’impianto di videosorveglianza sino a quello fotovoltaico che consentirà il risparmio annuo di oltre 30 tonnellate di CO2.

Nell’area ristoro del nuovo edificio, passata da 100 m2 a 300 m2, è stata realizzata un’apposita zona relax con tavoli e posti a sedere per rendere la sosta più confortevole.

È stato inoltre ampliato l’assortimento dei prodotti del reparto market (alimentari e non), con un’offerta che, per quanto riguarda l’area food, comprende anche alimenti biologici, senza glutine e ad alta digeribilità, seguendo le nuove tendenze di consumo. Particolare attenzione anche ai prodotti tipici locali e alle migliori eccellenze enogastronomiche italiane.

I servizi igienici sono stati completamente rinnovati, ampliati ed annessi al fabbricato ristoro, dedicando appositi spazi al baby room e un locale doccia per gli autisti dei mezzi pesanti.

Anche l’area per la distribuzione carburanti si presenta con un nuovo look, fresco e moderno.

I lavori di ammodernamento, nonostante le difficoltà legate all’emergenza pandemica ed alle difficoltà di reperimento dei materiali da costruzione sono stati completati in appena due mesi.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.