Richiesta

Treni, appello della Regione: “Il limite alla capienza è un problema per i turisti. Si torni al 100%”

Ma al momento non è previsto un potenziamento del servizio in estate rispetto al contratto di servizio

Generica

Liguria. “Il desiderio è che venga eliminata quanto prima la capienza massima all’80% perché, come abbiamo visto già nell’ultimo weekend, il carico di turisti mette in crisi questa percentuale“. È la richiesta che arriva da Gianni Berrino, assessore ai Trasporti della Regione Liguria, a margine della consegna dei tre nuovi treni Rock sui 28 previsti dal contratto di servizio con Trenitalia.

L’obiettivo è evitare che si ripetano le scene dell’anno scorso: vagoni strapieni, Intercity impossibili da prenotare per mancanza di posti disponibili, assembramenti in banchina, passeggeri infuriati e costretti a scendere. Situazione aggravata dai cantieri autostradali che avevano indotto un buon numero di vacanzieri a scegliere la ferrovia per evitare di stare in coda. A incidere erano soprattutto le norme anti-Covid: capienza massima consentita al 50% sulle corse a lunga percorrenza, all’80% sui regionali.

Lo stato d’emergenza scade il 31 marzo, ben prima dell’estate. E la speranza è che quei limiti possano essere definitivamente archiviati. “Oggi siamo all’80% secondo le norme tra posti a sedere e in piedi, ma immaginiamo che con la fine dell’emergenza si torni al 100% – spiega Sabrina Defilippi, direttrice business regionale di Trenitalia -. Qualora venga ripristinata la piena capienza, ci sarà un’offerta superiore di posti rispetto alla scorsa estate”.

Al momento però non sono previsti potenziamenti rispetto al contratto di servizio, nemmeno per fronteggiare l’emergenza autostrade. “Anche prima del Covid avevamo casi di sovraffollamento, ma erano episodi marginali ai quali si poteva porre rimedio con autobus aggiuntivi o col raddoppio dei treni del mare – continua l’assessore Berrino -. Quello che facciamo col contratto di servizio è il massimo dal punto di vista economico, se poi ci fossero risorse dal ministero per affievolire un po’ il peso sulle autostrade, ben vengano. Lo spazio per alcuni treni a media percorrenza c’è, sulle tratte Milano-La Spezia e Milano-Ventimiglia. Del resto mi auguro in estate la situazione autostradale resti come quella di stamattina, zero traffico“.

“Come ogni estate avremo un aumento dell’offerta dal Piemonte e dalla Lombardia verso la Liguria e interna alla stessa Liguria – conferma Defilippis -. Arriviamo a 99 treni per le Cinque Terre e manterremo sicuramente i Frecciabianca”. Nel frattempo i tre treni Thello Milano-Marsiglia non sono ancora stati completamente sostituiti (al loro posto ci sono due Milano-Ventimiglia): “Ma abbiamo sopperito con un aumento dell’offerta del trasporto regionale”, replica la dirigente di Trenitalia.

leggi anche
Trenitalia rock
Consegna
Treni, alla Liguria tre nuovi Rock. Toti: “Verso un parco mezzi nuovo ed efficiente”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.