Posizione

Toti: “L’Italia è un grande produttore di armamenti, giusto aumentare al 2% le spese per la difesa”

"Scontro Draghi-Conte? Mi sembra di essere tornato al peggior populismo, ne va della nostra credibilità internazionale"

Toti guerra Toti

Liguria. “E’ giusto aumentare aumentare al 2% le spese per la difesa. E’ un impegno che si sono presi più governi. La credibilità di un Paese importante come l’Italia direi che è fondamentale”. Così il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, intervistato in diretta a Mattino Cinque su Canale 5, interviene sulla rottura tra il premier Mario Draghi e il leader del M5S Giuseppe Conte.

“L’Europa non ha mai avuto una spesa militare sufficiente a essere un soggetto politico importante nel mondo, abbiamo sempre dormito sonni tranquilli protetti dai marines e dagli aerei della degli Stati Uniti – commenta Toti -. Se l’Europa dovesse difendersi con le sue armi francamente saremmo molto meno tranquilli. Vorrei capire: dove pensano si spendano i soldi in armamenti? L’Italia è uno dei grandi produttori del mondo di armamenti con Leonardo, Finmeccanica, Fincantieri, Oto Melara, Iveco, Beretta”.

“Mi auguro che non si  generi una crisi – ha proseguito Toti commentando la vicenda politica – anche perché Conte aveva preso impegni in prima persona. Mi pare di essere tornati al peggior populismo, dire una cosa a Bruxelles quando si è al governo e un’altra a Roma quando si è all’opposizione. Spero che Draghi vada avanti. Se la politica e il governo Draghi hanno un senso è dare al nostro Paese credibilità nazionale e internazionale. Il M5s su questo è diviso, sono molto diversi tra loro, ma oggi Draghi non può fare marcia indietro”.

Il premier Mario Draghi intanto tira dritto sull’aumento delle spese militari al 2% del Pil nel rispetto degli impegni Nato e ottiene il sostegno del Quirinale dopo un colloquio al Colle con Sergio Mattarella.

Ma lo scontro è deflagrato nelle commissioni dove l’esecutivo ha accolto l’ordine del giorno di FdI sul raggiungimento della soglia del 2% per la difesa, che quindi non è stato votato. I senatori pentastellati, che erano decisi ad esprimersi contro la proposta di Fratelli d’Italia, però non ci stanno e definiscono “inaccettabile” la scelta del governo. Conte ne parla con Draghi a Palazzo Chigi: un colloquio di un’ora e mezza, molto teso, a quanto si racconta in ambienti parlamentari, al termine del quale il leader del Movimento chiarisce che una crisi di governo non è all’orizzonte, ma “abbiamo diritto ad essere ascoltati”.

In serata poi Conte ha commentato: “Draghi ha tenuto a dire che è importante rispettare gli impegni Nato: io ho spiegato che non ho mai messo in discussione il tendenziale al 2% come non è stato messo in discussione dai premier precedenti. Però se noi ci diciamo questo orizzonte del 2024, avremo un picco notevole: si tratta di 15 miliardi e, francamente, credo che i cittadini e il Paese adesso abbiano altre priorità. Questo non significa dire che l’Italia non rispetta gli accordi. Questo non verrà detto e io stesso non l’ho detto”.

leggi anche
toti ucraina
Supporto
Ucraina, Toti: “Convocheremo comitato operativo per accoglienza in alberghi e agriturismi”
Arrivati i profughi Ucraini da Mariupol
Accoglienza
Guerra Ucraina, a Savona arrivati 13 profughi da Mariupol: “Siamo qui per salvare il nostro popolo”
Guerra in ucraina
Polemica
Guerra, Anpi: “No ad escalation militare”. Toti: “Per l’Ucraina usare le armi è dovere civile e morale”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.