Attenzione

Siccità in Val Neva e Val Pennavaire, l’invito dei sindaci: “Utilizzare l’acqua in modo parsimonioso”

Il primo cittadino di Cisano Niero lancia l’allarme: “Non ha più nevicato e non piove da mesi. In estate ci saranno problemi”

Rubinetto Siccità

Forte siccità, complici la mancanza di abbondanti nevicate ma anche e soprattutto della pioggia, che non cade copiosa ormai da mesi. E questo rischia di creare seri problemi in particolare per gli abitanti di Val Neva e Val Pennavaire, che già in questi giorni hanno iniziato a patire i primi disagi. 

Alcuni sindaci, infatti, su tutti quelli di Cisano sul Neva e Zuccarello, hanno invitato i propri cittadini a “utilizzare l’acqua in modo parsimonioso” evitando “inutili sprechi”.

Un’informazione che a Cisano, ad esempio, è stata comunicata anche tramite apposito sms.

Il problema si registra soprattutto a Cenesi, più che nel resto del comune di Cisano, perché abbiamo delle vasche con delle fonti a Erli e da lì la pompiamo. Le fonti sono quelle di Castelbianco, che con una linea portano acqua a Cenesi, dove la scorta è scarsa. Abbiamo una via alternativa che porta acqua a Cenesi, ma invitiamo comunque a non sperperare l’acqua perché c’è siccità ovunque”, ha spiegato il sindaco di Cisano Massimo Niero.

E scatta già l’allarme in vista dell’arrivo del caldo estivo: “Non ha più nevicato e non piove da sei mesi. In estate ci saranno problemi”, ha concluso Niero. 

Anche il sindaco di Zuccarello Claudio Paliotto ha invitato i cittadini “ad un uso esclusivamente domestico dell’acqua potabile”.

leggi anche
siccità
Sete
Allarme siccità nei comuni savonesi, Coldiretti: “Necessario garantire continuità per le produzioni agricole”
siccità
Preoccupazione
Allarme siccità, nel savonese non piove (quasi) più e le temperature sono più elevate della media
Torrente Letimbro pioggia
Preoccupazione
Siccità, torna la pioggia nel savonese ma non basta: nel capoluogo da inizio anno caduti solo 34.6mm

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.