Decisione

Guerra, la stretta economica parte dalla Liguria: due yacht russi “congelati” dalla Finanza

Lady M è ormeggiato al porto di Imperia, è di proprietà di colui che è stato definito l'uomo più ricco di Russia. Altro natante di lusso bloccato a Sanremo

Generico marzo 2022

Liguria. Due maxi yacht appartenenti ad alcuni tra gli uomini più ricchi di Russia sono stati “congelati” nelle ultime ore nei porticcioli di Imperia e Sanremo. Parte dalla Liguria, quindi, la stretta economica stabilita nei confronti degli oligarchi vicini a Putin nell’ambito delle sanzioni previste dai Paesi Ue nei confronti del Paese che sta attaccando l’Ucraina.

Il primo provvedimento disposto dal Comitato di sicurezza finanziaria ha interessato il Lady M, un’imbarcazione di 65 metri e dal valore di quasi 70 milioni di euro che appartiene ad Alexei Mordashov presidente di Severstal, un gruppo siderurgico tra i più importanti al mondo. Recentemente Mordashov aveva investito anche in Italia nelle acciaierie di Piombino.

A Sanremo si trova invece il Lena, un natante di 52 metri e da 50 milioni di dollari, di Gennady Timchenko, proprietario di Volga Group, e amico di Putin. Nei giorni scorsi provvedimenti analoghi sono stati effettuati in Francia e Germania.

Due giorni fa Mordashov si era dimesso dal consiglio di sorveglianza del tour operator tedesco Tui – Tourism Union International – tra i più grandi gruppi turistici mondiali, e le sue quote (con un valore di mercato intorno agli 1,2 miliardi di euro) erano state sottratte alla sua disponibilità. A renderlo noto era stato lo stesso gruppo tedesco in una nota dove ricordava che “lo scopo delle sanzioni è impedire a Mordashov di vendere i titoli e realizzare qualsiasi incasso o profitto dal suo investimento“.

Le persone colpite dalle sanzioni europee legate al conflitto in Ucraina sono meno di 700, e 26 sono i cosiddetti “super ricchi”. Bankitalia ha chiesto a banche e operatori finanziari, di comunicare le varie “misure di congelamento di fondi e risorse economiche” dei soggetti russi colpiti. Ma è vero anche che molti fra loro hanno fatto in tempo a muoversi per evitare di perdere tutto o di perdere molto con la vendita di partecipazioni o passaggi di proprietà fittizi. Altri hanno la possibilità di sfruttare le agevolazioni di passaporti di paesi extra Ue acquistati a caro prezzo per esempio a Cipro o Malta.

(foto credit: Riviera24)

Più informazioni
leggi anche
RACCOLTA BENE UCRAINA ANDORA
Grande cuore
Ucraina: continua la solidarietà in provincia, ma a Savona mancano i tir per il trasporto

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.