Ricordo

Trentadue anni fa la morte di Sandro Pertini, la cerimonia a Stella per ricordare un “esempio ancora così attuale” fotogallery

Presenti questa mattina le autorità politiche e militari del territorio nel cimitero di Stella San Giovanni

Stella. “Siamo qui a onorare una persona che ha fatto la storia della resistenza, della libertà e del riformismo”. È con le parole espresse dal consigliere regionale Alessandro Bozzano che ha preso il via stamattina la celebrazione del 32esimo anniversario dalla morte dell’ex presidente della Repubblica Sandro Pertini.

Un garofano rosso in mano, una corona di alloro sulla tomba, la presenza delle autorità del territorio, i ragazzi delle scuole di Stella: il momento di commozione è avvenuto all’interno del cimitero di Stella San Giovanni.

“Essere tutti riuniti qui ci fa capire quanto il ricordo del presidente Pertini sia ancora vivo e d’esempio per le nuove generazioni” ha affermato la presidente dell’associazione Sandro Pertini, Elisabetta Favetta.

“In queste ore di apprensione per la guerra in Ucraina, è fondamentale ricordare una figura importante come quella dell’ex presidente Pertini” si unisce il sindaco di Stella Andrea Castellini.

Dobbiamo sempre e comunque, anche in un momento confuso come questo, riflettere sulla strada da percorrere, quella giusta delle riforme – aggiunge il consigliere regionale Bozzano – . Questo è quello che ci ha insegnato Pertini e che dobbiamo ricordare. Sì alla stabilità e all’equilibrio, no alle guerre”.

Presente alla cerimonia anche il sindaco di Savona Marco Russo che ha voluto esprimere la sua commozione nell’omaggiare “una personalità fondamentale dell’antifascismo che ha dimostrato come ci si debba dedicare ancora oggi alla cosa pubblica”.

In occasione dell’anniversario anche i sindaci delle città vicine come Maurizio Garbarini, Caterina Mordeglia e Gianluca Nasuti. Non potevano mancare anche le forze dell’ordine e le autorità militari.

A Stella la cerimonia in ricordo di Sandro Pertini

Infine i ragazzi delle scuole di Stella hanno letto delle lettere personali per onorare la figura del presidente stellese che, pur non avendolo conosciuto di persona, ha lasciato loro nel cuore un insegnamento.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.