Calcio

PDHAE-Vado 0-1, mister Solari : “La famiglia Tarabotto è l’anima di questo club”

L'allenatore rossoblù: "Sia il presidente che il direttore sportivo mi hanno sempre dato fiducia, nonostante l'ultimo mese e mezzo deludente sul piano dei risultati. E per questo li ringrazio"

Generico febbraio 2022

Vado Ligure. Il Vado è tornato ad alzare le braccia al cielo. Vincendo e convicendo, dopo un periodo difficile, sfortunato, avaro di soddisfazioni e caratterizzato da inevitabili tensioni interne.

Dapprima il successo nel turno infrasettimanale contro il Saluzzo (4-1), quest’oggi invece altri tre punti sul campo degli aostani del Pont Donnaz (0-1), incontro valevole per la venticinquesima giornata del campionato interregionale calcistico di Serie D, girone “A” .

Un risultato finale che, come avvenuto diverse volte per i vadesi in questa annata “storta”, non riassume probabilmente appieno quanto accaduto nel rettangolo verde.

Il Vado infatti, sempre in controllo della gara, ha colpito ben tre legni (una traversa con Capra, un palo con Aperi e un incrocio di Galvanio). Nell’ultima trasferta, in Lombardia, contro la Caronnese, il canovaccio della sfida era stato grossomodo il medesimo. Ma in quel caso Aperi e compagni non erano riusciti a trovare la via della rete, venendo beffati dagli avversari su calcio di rigore (1-0).

Il plauso dell’allenatore Matteo Solari, rientrato quest’oggi in panchina da una squalifica di tre turni, va quindi alla squadra ma soprattutto alla proprietà vadese. La quale, ha saputo dimostrargli la fiducia necessaria anche in un momento difficile.

Domenica prossima il Vado, salito a 34 punti (zona di medio-alta classifica), ospiterà la Lavagnese. Una squadra composta da buone individualità, un po’ a sorpresa trovatasi invischiata nei bassi fondi; reduce dal cambio di guida tecnica e dalla vittoria odierna nel sentito derby contro il Sestri Levante (2-1).

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.