L'ordinanza

Mascherine all’aperto: stop all’obbligo da venerdì ma andranno indossate in caso di assembramenti

E' obbligatorio averle sempre con sé così come indossarle al chiuso. Toti: "Altro passo verso la normalità"

Generica

Liguria. L’attesa ordinanza del ministro della Salute Roberto Speranza è arrivata: stop alle mascherine all’aperto da venerdì 11 febbraio, ma è obbligatorio averle con sé e utilizzarle in caso di assembramento.

Il provvedimento è valido su tutto il territorio italiano, indipendentemente dai colori delle regioni.

Restano invece obbligatorie al chiuso.

Fino al 31 marzo 2022 “è fatto obbligo sull’intero territorio nazionale di indossare i dispositivi di protezione personale delle vie respiratorie nei luoghi al chiuso diversi dalle abitazioni private”.

Inoltre “nei luoghi all’aperto è fatto obbligo sull’intero territorio nazionale di avere sempre con sé i dispositivi di protezione delle vie respiratorie e di indossarli laddove si configurino assembramenti o affollamenti“.

“Un segnale di speranza per tutti gli italiani” ha detto il sottosegretario alla Salute Andrea Costa.

“Le mascherine sono state uno strumento formidabile nella lotta contro la pandemia di Covid-19 e continueranno a essere le nostre compagne di viaggio ancora per una fase significativa”, ha aggiunto il ministro Roberto Speranza.

“Al chiuso le mascherine continueranno a essere necessarie. Ma vorrei ricordare che in passato, quando abbiamo sospeso l’obbligo all’aperto, abbiamo sempre detto che comunque bisogna portare con sé le mascherine, in modo da essere pronti a indossarle se ci si ritrova in luoghi affollati e dunque a rischio”.

“Accolgo con favore la nuova ordinanza del Ministro Speranza di togliere l’obbligo di mascherine all’aperto anche in zona gialla. Una misura che fa parte di questo giusto percorso di riapertura deciso dal Governo basato sull’evidenza scientifica e che segue l’andamento della curva epidemiologica che sta finalmente calando. Dopo l’allentamento delle regole anti Covid sulla scuola, anche questo è un passo importante verso un ritorno alla normalità” afferma il presidente di Regione Liguria e assessore alla Sanità Giovanni Toti in merito alle nuove decisioni del Governo.

“Una normalità che stiamo piano piano riconquistando – ha aggiunto il presidente Toti -, grazie alla grande campagna vaccinale che ci sta permettendo di uscire dalla quarta ondata di questa pandemia, tutelando la nostra salute e, rispetto a un anno fa, preservando anche la nostra socialità. I dati ci dicono che l’incidenza in Liguria scende ancora, attestandosi a 1223 mentre anche oggi si registra un calo degli ospedalizzati, che attualmente sono 713 con 31 pazienti ricoverati in terapia intensiva”.

“Da inizio febbraio invece sono state somministrate 5.284 prime dosi, anche in questo caso abbiamo fatto l’ennesimo passo avanti per sconfiggere definitivamente il virus” conclude Toti.

leggi anche
Generica
Come stiamo andando
Normalità sempre più vicina in Liguria, Bassetti: “Negli ospedali ai pazienti Covid solo il 25% dei posti letto”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.