Risorse

Alluvione ottobre 2021: firmato il riparto dei fondi ai Comuni per 6mln di euro

Altare, Bormida, Cairo Montenotte, Carcare, Mallare, Pallare, Pontinvrea, Quiliano, Sassello, Urbe, Savona, oltre alla Provincia per la viabilità: mancano ancora 5mln

Frana Santuario - via Cimavalle

Liguria. E’ stato firmato oggi dal presidente di Regione Liguria e commissario per l’emergenza Giovanni Toti il riparto dei fondi per coprire i danni del maltempo dell’ottobre 2021.

Ammontano a 6 milioni di euro le risorse in arrivo dal Dipartimento Nazionale di Protezione civile che verranno ripartite tra 14 Comuni del Savonese e Genovese, oltre alla Città Metropolitana e alla Provincia di Savona.

Il piano di riparto è stato concordato da Regione Liguria insieme ai Comuni di: Campoligure, Rossiglione, Tiglieto, Altare, Bormida, Cairo Montenotte, Carcare, Mallare, Pallare, Pontinvrea, Quiliano, Sassello, Urbe, Savona, oltre alla Città Metropolitana di Genova e alla Provincia di Savona che avevano subito danni per un ammontare complessivo di 11,8 milioni di euro.

“Il piano – spiegano il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti e l’assessore regionale alla Protezione civile Giacomo Giampedrone – prevede una copertura al 100% delle prime emergenze e una copertura in media del 60% delle somme urgenze. Particolare attenzione è stata data a 4 Comuni che hanno subito pesanti danni: Tiglieto, Pontinvrea, Quiliano e Rossiglione”.

“Abbiamo lavorato a un piano equilibrato che ripartisse al meglio i primi 6 milioni di euro che serviranno a dare una prima risposta importante ai territori e alle amministrazioni comunali che hanno dovuto affrontare l’emergenza del 3 e 5 ottobre 2021, facendo fronte a situazioni anche molto gravi di dissesto idrogeologico. Lo schema prevede oltre 700mila euro per le prime emergenze e 5,2 milioni per le some urgenze”.

Regione Liguria nell’immediatezza dell’evento aveva corrisposto 2 milioni di euro per interventi sulle strade statali e provinciali del Savonese. Risorse a cui si aggiungono oggi ulteriori 6 milioni per un totale di 8 milioni di euro.

“Chiederemo con forza al Dipartimento nazionale di Protezione civile – continuano Toti e Giampedrone – che vengano erogati altri 5 milioni di euro indispensabili a coprire al 100% tutte le somme urgenze“. Lo stesso commissario Toti nella lettera di accompagnamento del riparto ha ribadito l’assoluta necessità di copertura al 100% della cifra richiesta a suo tempo, a seguito dell’istruttoria portata avanti dal Dipartimento regionale di Protezione civile con i territori.

“Sarebbe grave – ha continuato Giampedrone – se ciò non avvenisse anche perché costituirebbe un precedente pericoloso che non è mai accaduto nella gestione delle emergenze liguri che hanno invece sempre ottenuto una risposta favorevole a prescindere dal colore politico del governo, anche perché alla base del principio della Protezione civile vi è proprio la copertura al 100% delle prime emergenze e delle somme urgenze”.

“Ringrazio le amministrazioni coinvolte – concludono Toti e Giampedrone – con le quali abbiamo avuto modo di interloquire, presentando una proposta di riparto che hanno apprezzato e condiviso, nella consapevolezza che quanto prima debbano arrivare le risorse mancanti ed essere messe a disposizione del territorio“.

Solo per la Provincia di Savona, compreso l’ente Provincia le risorse ammontano a quasi 5 milioni di Euro, e verranno così suddivisi fra i seguenti comuni:
Altare € 72.398,51
Bormida €.100.00,00
Cairo Montenotte €.263.320,00
Carcare €.107.000,500
Mallare €.314.542,40
Pallare €. 22.000,00
Pontinvrea €.1.233.715,85
Quiliano €.1.437.326,48
Sassello €.274.600,00
Urbe €.343.000,00
Savona €.169.555,10
Provincia di Savona €.149.926,33.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.