Commemorazione

“Ricordiamo Carlo Nocelli”, domenica Varazze commemora il fondatore dello scoutismo 

Figura indimenticabile che ha trasmesso i suoi principi di umanità a generazioni di ragazzi che, a loro volta, li hanno consegnati a figli e nipoti

Varazze. Come promesso, domenica si ricorderà l’ingegner Carlo Nocelli a 51 anni dalla sua scomparsa. Era il 15 gennaio del 1971 quando si spense il fondatore dello scoutismo varazzino.

Figura indimenticabile che ha trasmesso i suoi principi di umanità a generazioni di ragazzi che, a loro volta, li hanno consegnati a figli e nipoti. Fortunati coloro che lo hanno conosciuto ed hanno divulgato il suo messaggio. Impossibile dimenticarsi di lui.

“Un uomo buono passó, – sono affezionati i suoi Scout, – l’ingegner Nocelli, insigne Maestro ed Educatore, fondatore dello scoutismo a Varazze lasciava la terra per il cielo il 15 gennaio 1971”. Gli stessi Scout di ieri e di oggi lo ricorderanno domenica prossima, ventitre gennaio.

Alle 9,30 sarà celebrata in suo onore la Santa Messa nella Collegiata di Sant’ Ambrogio. Alle 11 un ricordo dalla sua tomba, nel cimitero cittadino.

Ci saranno tutti i suoi ragazzi a salutare questo illustre concittadino. Non solo fondatore dello scoutismo, ma  anche co-fondatore della famosa associazione culturale “U Campanin Russu” e  socio onorario del’AVIS.

Nato a Firenze, visse gran parte della sua vita nella Comunità Salesiana di Varazze, dove divulgò il suo prezioso messaggio in un fedele servizio per i giovani, nella scuola e nelle associazioni giovanili, come gli Scout. 

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.