Limbo

Quirinale, anche oggi nessuna decisione. Toti: “Domani bisogna scegliere se no me ne torno a casa”

Il presidente ligure si sfoga: "Ho da lavorare". Intanto boom di voti per Mattarella

toti medusei rossetti quirinale voto parlamento

Liguria. “Domani la scelta, se no me ne torno a casa e mi chiamano quando hanno deciso, perché ho da lavorare“. Il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, grande elettore ma anche leader di Coraggio Italia, ai microfoni di Radio Capital sull’elezione del presidente della Repubblica si lascia andare a uno sfogo: “Ci sono tante personalità in campo, tutte pregevoli, scegliamo quella su cui i partiti sono più d’accordo e votiamo”.

L’esternazione di Toti arriva nel giorno del quarto scrutinio, il primo col quorum della maggioranza assoluta (505 preferenze) per l’elezione del nuovo capo dello Stato. Anche oggi però da Montecitorio si alza una (metaforica) fumata nera. Il dato più importante è quello del presidente uscente Sergio Mattarella che raccoglie il maggior numero dei consensi (dopo le schede bianche) nonostante la sua manifesta indisponibilità al bis.

Da registrare tuttavia l’indicazione perentoria del centrodestra, che ha dato indicazione ai suoi di astenersi senza nemmeno ritirare la scheda, che fa crollare il numero dei votanti. “L’astensione nel voto odierno – si leggeva una nota – significa che i grandi elettori del centrodestra risponderanno alla chiama, si avvicineranno alla presidenza e diranno ai segretari astenuto senza ritirare la scheda. Dopo aver annunciato l’astensione i grandi elettori usciranno dall’Aula senza passare dalla cabine”. E così è stato.

L’astensione è un modo per contarsi? “Le prove di forza non ci interessano. Noi le proposte le abbiamo fatte. Speriamo di arrivare a un nome il prima possibile. Noi chiediamo di accelerare“, ha detto il leader della Lega Matteo Salvini parlando con i giornalisti alla Camera. M5s, Pd e Leu oggi hanno votato scheda bianca: “Coerentemente con quanto chiesto e fatto nei giorni scorsi riconfermiamo la nostra immediata disponibilità ad un confronto per la ricerca di un nome condiviso, super partes, in grado di rappresentare tutti gli italiani. Nel frattempo in questa votazione voteremo scheda bianca”, dicono in una nota congiunta Pd, M5s e Leu, al termine del vertice prima dell’avvio della quarta giornata di votazioni.

“Credo che non si si chiuderà oggi, credo si chiuderà domani – aveva detto a inizio giornata il leader di Italia viva Matteo Renzi a Radio Leopolda -. Credo che il centrodestra lascerà passare ancora un giro, e poi domani andranno a più miti consigli. Oggi sarà un’altra giornata di tempo perso”. Domani si voterà di nuovo alle 11.00 con un unico scrutinio. Molti sostengono che venerdì o sabato possano essere le giornate decisive. Uno dei nomi nuovi è quello di Elisabetta Belloni, attuale direttrice dei servizi segreti, fatto filtrare da fonti vicine alla leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni.

Secondo Toti, però, la rosa è molto più ristretta: “Credo che a questo punto sia difficile trovare un nome fuori dalla coppia CasiniDraghi – ha detto conversando in Transatlantico -. Tutti i partiti, al loro interno sono divisi, a partire dal mio, tra queste due ipotesi. Al momento ci sono due conflitti in corso: il primo è antropologico, tra l’homo draghianus, quello che ama l’azione, l’impresa, la modernità e l’homo casinianus più legato ai riti della prima Repubblica. Quindi c’è un secondo conflitto direi istituzionale tutto sommato simile, tra i governativi, quelli come i governatori e i ministri che amano il rapporto con il potere esecutivo, e i parlamentaristi, coloro i quali amano la discussione, il confronto, il dialogo”.

leggi anche
Elezioni Quirinale Toti
Ancora nulla di fatto
Quirinale, Toti: “Un nome condiviso e di garanzia nel più breve tempo possibile”
toti medusei rossetti quirinale voto parlamento
Secondo voto
Quirinale, Toti: “Le schede bianche sono un segnale di dialogo”
Generico gennaio 2022
Terzo giorno
Quirinale, il terzo più votato è il ligure Cassinelli. Ma prende quota l’idea Casellati

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.