Bilanci e prerogative

Soccer Borghetto, il presidente Ferrara svela: “Settore giovanile? Ci sto lavorando…”

La squadra è tra le papabili al salto in Eccellenza, un fattore di appeal per provare ad allestire leve giovanili

Soccer Borghetto festante

Mancano tre giorni alla fine di questo 2021 e, in tanti ambiti, è tempo di bilanci.

Anche il calcio locale è soggetto a questa operazione: ogni società vede questo periodo come quello di transizione, dove poter riunirsi per analizzare e, nel caso, intervenire in prospettiva 2022.

Chi ha ben figurato in quest’anno solare è stato sicuramente il Soccer Borghetto: capitan Carparelli e compagni guidano la classifica di Promozione A, un campionato molto avvincente con squadre di valore e vicine tra loro: il distacco con la Praese è di appena 1 punto.

E in casa biancorossa i resoconti vengono fatti dal presidente, Andrea Ferrara, che ha così riassunto: “La prima parte di stagione l’abbiamo conclusa alla grande, terminando il girone di andata al primo posto e con una finale di coppa Italia da disputare. Quindi penso che il bilancio sia più che positivo, nonostante le mille problematiche a livello di infortuni: 6 totali, di cui 2 che hanno già finito la stagione. Non avendo un settore giovanile, o un’eventuale Juniores, abbiamo tirato la barca in 13/14 ragazzi da 2 mesi a questa parte: c’è solo da fare un grosso applauso a tutti loro”.

Sul mercato invernale: “Ci siamo già andati per via dei tanti infortuni: abbiamo preso Mandraccia dal Loano e Molina dal Finale, tutte e due giovani che comunque hanno già disputato 3 partite in campionato. Ora siamo in trattativa per un giovane dell’Imperia e siamo ai dettagli. Non dovrebbero esserci uscite, vista la grande coesione del gruppo”.

L’entusiasmo accresce per i biancorossi, soprattutto con una situazione di classifica del genere: “Noi siamo partiti per far un campionato tranquillo, quello che sta venendo in più lo stiamo vivendo come un piccolo sogno”. Ciò che manca a questa realtà resta un settore giovanile, ma Ferrara svela: “Non nascondo che sto lavorando anche per quello, sarebbe la ciliegina sulla torta: un completamento di un lavoro fatto in questi 4 anni e mezzo. Noi come società, e come paese, abbiamo bisogno di un settore giovanile, perché non nascondo che esso deve essere il serbatoio della Prima Squadra, senza dover andare a pescare a destra e sinistra: mi piacerebbe che i Carparelli, gli Auteri, i Di Lorenzo, i Piazza, me li costruissi in casa!”

leggi anche
Calcio, Promozione: Ceriale vs Legino
Tabellini
Promozione “A”: pareggio al cardiopalma tra Ceriale e Legino, Soccer Borghetto schiantato dal Serra Riccò

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.