Soddisfazione

Sentenza Confcommercio, le sigle ricorrenti: “Tutelati i nostri diritti, ora aprire fase nuova”

Il commento delle categorie che avevano presentato ricorso contro l'elezione di Vincenzo Bertino

confcommercio savona

Savona. Grande soddisfazione è stata espressa dalle sigle di Confcommercio per la sentenza di arbitrato del Tribunale di Savona, iniziata da diversi mesi, contro la rielezione del presidente provinciale Vincenzo Bertino.

Una sentenza che arriva dopo diversi mesi di querelle: “Il nostro unico scopo ed il messaggio forte era quello di tutelare i nostri diritti, la nostra Confcommercio, i suoi associati e la vita di una associazione che rappresenta moltissimo per il nostro territorio e la nostra economia” recitano in coro i presidenti e delegati Confcommercio che si sono opposti al “modus operandi” applicato negli ultimi anni.

“Fipe (Federazione Italiana Pubblici Esercizi) Silb (Sindacato Italiano Locali da Ballo), Fimaa (Federazione Italiana Mediatori Agenti d’Affari), Fiavet (Federazione Italiana Associazione Imprese Viaggi e Turismo), Fida (Federazione Italiana dettaglianti alimentari), Federalberghi, Faita (Federazione delle associazioni italiane dei complessi turistico-ricettivi all’aria aperta), Sib (Sindacato Italiano Balneari), Ascom Savona e Finale Ligure, con la sentenza del lodo arbitrale hanno così tutelato un lungo periodo di negligenza e mancanza di volontà per rinnovare ed adeguare l’associazione ma, soprattutto, l’assenza di trasparenza nei loro confronti e verso tutte le categorie rappresentate”.

“Ora desideriamo solo poter essere nuovamente rappresentati da persone motivate, rispettose del mandato e delle varie componenti associative, persone in sintonia con il mondo economico attuale, le sue problematiche e le sue esigenze. Saremo i primi a “rimboccarci le maniche” per creare la nuova Confcommercio savonese che tutti meritiamo” concludono le sigle.

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.