Riunione

Savona, “patto” con le scuole contro lo spreco alimentare: incontro tra Comune, insegnanti e genitori

Si è svolto nei giorni scorsi la riunione del Comitato Mensa

Comune Savona Comune palazzo Sisto

Savona. Un “patto” contro lo spreco alimentare è uno tra i risultati, insieme ad altri progetti, della riunione del comitato mensa, che ha coinvolto gli insegnanti e i genitori designati oltre ai referenti di Camst e le dietiste. L’occasione di incontro ha rappresentato – commenta il vicesindaco e assessore alle politiche scolastiche Elisa Di Padova “un importante momento di raccordo tra la pubblica amministrazione, le scuole e i genitori, la condivisione di criticità e opportunità e per presentare i nuovi progetti”.

Si è parlato dell’organizzazione del servizio, si sono raccolte le osservazioni di genitori e insegnanti rispetto al menù e si sono presentati i nuovi progetti in partenza, anche di educazione alimentare, per alunni, insegnanti e genitori: “L’amministrazione ha attenzione – sottolinea Di Padova – anche in chiave educativa nei confronti degli studenti, rispetto al contrasto allo spreco. Il Comune di Savona è impegnato da diverso tempo, insieme all’Azienda di ristorazione scolastica, nella lotta allo spreco alimentare con diverse iniziative”.

Tra queste la consegna a tutti i bambini iscritti al servizio della “Food bag”, “Non c’è cibo da perdere”. La prima riparte adesso dopo un’interruzione dovuta al Covid. Verrà consegnata a tutti i bambini delle prime e delle seconde delle scuole primarie una borsina termica che può essere utilizzata dai bambini per riporre e portare a casa il pane e la frutta che non hanno consumato in mensa ed eventualmente alimenti confezionati a lunga conservazione. “Non c’è cibo da perdere”, con il supporto e coordinamento della Fondazione Comunità Servizi Onlus, prevede che gli alimenti non distribuiti e non consumati nelle mense scolastiche potranno essere recuperati per evitare lo spreco e essere donati a chi ne ha bisogno. L’adesione partirà subito dopo l’interruzione per le vacanze di Natale.

“L’obiettivo – spiega il vicesindaco – è quello di evitare lo spreco e fare in modo che tali alimenti non finiscano nei rifiuti. La lotta allo spreco e il recupero delle eccedenze sono misure da trasmettere con cura e attenzione ai nostri bambini fin da subito e su questo l’Amministrazione vuole essere al fianco delle famiglie”.

RILEVAZIONE DEL GRADIMENTO DEL SERVIZIO MENSA

Altri due sono i progetti presentate dal Comune. In tutte le scuole dell’infanzia provviste di cucina, la cottura del primo piatto viene eseguita direttamente nella scuola. La stessa cosa avviene anche in due scuole primarie: le De Amicis e le Carando.

E’ stata presentata anche un’altra novità: a partire da quest’anno la rilevazione del gradimento del servizio mensa sarà effettuato online attraverso la compilazione di tre distinti questionari: uno per i bambini di tutte le classi della scuola primaria; uno per le insegnanti ed uno per le educatrici degli asili nido. “Si invitano quindi alunni, insegnanti ed educatrici asili nido – esorta Di Padova – a partecipare al programma di valutazione della qualità del servizio offerto dall’Azienda Camst relativo alla ristorazione scolastica del Comune di Savona. I questionari sono rivolti a tutti i bambini che frequentano le Scuole primarie che usufruiscono del servizio di mensa scolastica. I genitori potranno – se lo desiderano – compilare il questionario assieme al bambino, proponendolo come opportunità di comunicazione”.

“Si chiede di rispondere con la massima libertà. Garantiamo che il questionario è anonimo: non si chiede infatti di indicare il nome o informazioni che consentano di capire da chi è stata data la risposta”. Si potrà procedere alla compilazione fino al 22 gennaio 2022 cliccando sul link presente nel portale del Comune di Savona dove saranno successivamente pubblicati anche gli esiti.

INIZIO DEL SERVIZIO MENSA PRIMA DI OTTOBRE

“Infine, un aspetto su cui vogliamo impegnarci fin da subito è quello di riuscire a fare partire dal prossimo anno scolastico il servizio mensa il prima possibile. Per farlo, invitiamo le famiglie dei bambini che iniziano un nuovo ciclo a iscrivere i bambini al servizio entro il 31 luglio. L’amministrazione lavorerà sul miglioramento dell’informazione alle famiglie, abbiamo inoltre deciso di allargare la finestra anticipando l’apertura delle iscrizioni al servizio per l’anno scolastico 22-23 già da gennaio e non da aprile, questo potrà aiutarci a ottenere l’obiettivo di completare le iscrizioni per tempo e partire con il servizio mensa quasi contestualmente all’avvio del prossimo anno scolastico”.

Per accedere al servizio è necessario infatti inviare via mail, entro il 31 luglio 2022 all’indirizzo scuole@comune.savona.it il modulo di domanda secondo lo schema sotto allegato, appositamente compilato, unitamente alla documentazione richiesta. Il modulo di domanda è disponibile presso le scuole ed anche alla seguente pagina del sito del Comune. Devono presentare domanda solo coloro che si iscrivono per la prima volta al servizio mensa o che iniziano un nuovo ciclo di scuola (infanzia o primaria); coloro che sono già iscritti al servizio vengono invece automaticamente iscritti all’anno successivo.

leggi anche
frutta e verdura
Iniziativa
“Ally”, l’innovativo rivestimento per allungare fino a tre volte la vita degli ortaggi

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.