Botta e risposta

Manifestazioni natalizie a Savona, Arecco: “Lavoro copia-incolla”. Negro: “Ingeneroso non riconoscere lo sforzo”

Le iniziative sono costate 82 mila euro, di cui 29 mila a carico del Comune

Accensione albero piazza Sisto

Savona. Le manifestazioni organizzate per le festività natalizie nella città della Torretta sono costate 82 mila euro, di cui 29 mila per le casse del Comune.

“Per la prima volta dopo tanti anni gli enti e gli sponsor hanno aderito in base alla programmazione, è stato ribaltato un modo di lavorare – commenta l’assessore alla Cultura Nicoletta Negro durante il consiglio comunale -. C’è stata collaborazione con gli altri soggetti“.

Seppur favorevole alla pratica per lo stanziamento delle risorse necessarie, il consigliere di Fratelli d’Italia Massimo Arecco ha manifestato alcune perplessità: “E’ stato fatto un lavoro ordinario che gli uffici si occupano di fare da anni, è un copia e incolla ma mi auguravo che ci fosse uno stimolo in più che rispettassero le promesse elettorali, spero che il prossimo anno ci sia un impegno da parte dell’asssessore che porterà Savona a migliorare ancora”. E conclude con una stoccata rivolta agli assessori: “Ho l’impressione che si credano dei Maradona, avranno il tempo di dimostrarlo”.

Il consigliere pentastellato Manuel Meles interviene per ricordare l’impegno della giunta Caprioglio: “Non è vero che per anni non si è fatto niente, nel periodo precedente al 2020 sono state organizzate delle iniziative”.

“E’ ingeneroso non voler riconoscere lo sforzo compiuto. Ci dispiace che non si sia capito il lavoro che è stato necessario per raggiungere questo risultato”, aggiunge ancora Negro rispondendo alle critiche avanzate dal consigliere Arecco.

Un lavoro che ha richiesto collaborazione tra le parti in gioco: “Gli interventi hanno richiesto un lavoro di progettazione e il coinvolgimento della città“, precisa il sindaco Marco Russo.

E fa alcuni esempi per spiegare l’approccio adottato: “L’idea di mettere la palla in piazza del Popolo non è casuale ma frutto di una scelta mirata per tornare a far vivere la zona che ormai da tempo sembrava esclusa dalla vita della città”. E ancora: “Quando abbiamo pensato di coinvolgere i musei non ci siamo solo limitati a cittadini ma ci siamo rivolti alla Campanassa per l’apertura della torre del Brandale e alla Diocesi per la visita della Cappella Sistina”.

leggi anche
city angels
Performance
Savona, oggi l’accensione dell’Albero di Natale solidale in piazza del Popolo
Babbo Natale in moto
Ufficiale
Savona, presentato il calendario degli eventi di Natale. Di Padova: “Vogliamo dare un segnale”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.