Sentenza

Lesioni colpose, assolti due dipendenti del Comune di Ceriale

Gravi ferite per una signora caduta al cimitero comunale: nessuna responsabilità del dirigente e dell'addetto comunale

cimitero ceriale

Ceriale. Si è conclusa con una sentenza passata in giudicato dello scorso 4 novembre la vicenda giudiziaria che ha visto coinvolti due dipendenti del Comune di Ceriale per fatti risalenti ad oltre sette anni fa. Tutto ha avuto inizio nell’ottobre 2014 quando una signora, C.C., cadendo rovinosamente a terra all’interno del cimitero, aveva esposto denuncia per lesioni colpose nei confronti del responsabile dei Lavori Pubblici, Diego Rubagotti, e dell’addetto cimiteriale, Sergio Iorio.

Secondo l’accusa una scala lasciata incustodita avrebbe colpito la signora procurandole danni fisici rilevanti.

Fatti questi smentiti poi a seguito dello sviluppo giudiziario che con la sentenza di assoluzione decreta e chiarisce come l’episodio non costituisca reato.

Piena soddisfazione dei dipendenti del Comune cerialese: “Questa vicenda mi ha profondamente colpito durante il corso di questi sette anni – dichiara l’arch. Diego Rubagotti – in cui ci siamo trovati coinvolti in un processo penale (con tutto quello che ne consegue), sapendo benissimo sin dal principio che la nostra condotta è sempre stata corretta e a favore di tutti gli utenti del cimitero, sia del capoluogo che della frazione di Peagna. Sono profondamente dispiaciuto che la signora C.C. abbia riportato delle lesioni a seguito di quella caduta, ma non per forza dietro ad ogni incidente deve esserci la colpa di qualcuno”.

“In queste vicende, in molti casi, si cerca un colpevole per ottenere così un risarcimento, ma come ben evidenzia la sentenza, i fatti devono essere attribuiti alla casualità e non alla cattiva condotta di qualcuno”.

“Devo ringraziare il mio legale, avvocato Acqua Barralis, per aver saputo esporre in maniera ineccepibile tutti i fatti, e le amministrazioni del comune di Ceriale che si sono succedute in questi anni che mai hanno dubitato sulla condotta del mio operato e dei miei collaboratori” conclude il funzionario cerialese.

Soddisfazione per l’esito del procedimento giudiziario anche da parte degli amministratori comunali, in particolar modo del vice sindaco e assessore ai Lavori Pubblici Luigi Giordano, il quale dichiara che “la vicenda si è finalmente chiusa, scagionando da ogni responsabilità il Comune di Ceriale. Sono molto dispiaciuto che la signora abbia riportato conseguenze a seguito di quel sinistro, ma ci tengo a sottolineare che questa amministrazione ha fatto della manutenzione del patrimonio comunale e dell’intero territorio un suo cavallo di battaglia”.

“Da poco abbiamo finanziato un intervento dell’importo complessivo di 250.000,00 euro finalizzato all’abbattimento delle barriere architettoniche all’interno delle aree cimiteriali, nonché ed alla completa ricostruzione del blocco servizi, oltre altri interventi, proprio nel cimitero cittadino” conclude Giordano.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.