Aveva 71 anni

Investimento a Cairo: Piera Ghia non ce l’ha fatta, stamattina è deceduta all’ospedale Santa Corona

In seguito ai gravi traumi riportati nell’incidente avvenuto in corso Mazzini. La famiglia ha deciso di donare gli organi

piera ghia

Cairo Montenotte. Ha lottato per oltre una settimana nel letto di terapia intensiva dell’ospedale Santa Corona di Pietra Ligure, ma poi non ce l’ha fatta. Giampiera Ghia, per tutti Piera, è deceduta questa mattina all’età di 70 anni dopo i gravi traumi riportati nell’investimento avvenuto in corso Mazzini.

Il drammatico incidente si è verificato martedì 30 novembre, pochi minuti prima delle 8. Piera stava attraversando sulle strisce pedonali nei pressi della rotonda del Ponte Stiaccini, dove una Dacia Sandero l’ha prima travolta e poi trascinata per alcuni metri.

Alla guida una donna di origini nigeriane che in quel momento stava accompagnando il figlio a scuola. Secondo le prime ricostruzioni, sembrerebbe che il parabrezza dell’auto fosse appannato a causa delle basse temperature e non le abbia quindi permesso di vedere il pedone.

Ora la donna rischia l’accusa di omicidio stradale. Nella giornata di domani verrà effettuata l’autopsia, disposta dal pm Ferro, per tutti gli accertamenti del caso. Poi si procederà con l’organizzazione dei funerali.

Subito le condizioni della 70enne sono apparse gravi, è stata trasportata in ospedale dall’elisoccorso e ricoverata in prognosi riservata. Per alcuni giorni le sue condizioni sono rimaste stabili, ma poi il peggioramento ed oggi la brutta notizia per la sua famiglia che ha deciso di donare i suoi organi.

Un gesto solidale, di grande valore morale. Così come era Piera, che ha sempre fatto tanto per gli altri. Prima prendendosi cura dei suoi genitori che abitavano a Carcare, poi dei suoi due figli Roberto e Cristina, avuti con il marito Piero Abbaldo, ed ora i suoi cinque nipoti.

Una donna molto conosciuta dalla comunità cairese, anche per il suo lavoro. Un giorno alla settimana, infatti, andava ad aiutare in un negozio di frutta e verdura di via Roma, negozio dove si stava dirigendo proprio il giorno dell’incidente. Conosciuta anche nel mondo calcistico, per la passione del figlio, spesso si metteva a disposizione per aiutare durante i tornei.

Donna di gran cuore e grande forza. Gentile, sorridente, un pilastro per la sua famiglia a cui si è sempre dedicata con amore e dolcezza. La stessa che riservava a tutte le persone che la conoscevano. Una donna moderna e allo stesso tempo di altri tempi.

Ad esprimere la sua vicinanza alla famiglia l’Asd Carcarese, società di calcio in cui il figlio ricopre una carica dirigenziale: “Abbiamo pregato con tutto il nostro cuore, ma purtroppo non è bastato. Questa mattina ci ha lasciati Piera, la mamma del nostro direttore generale Roberto Abbaldo – scrive il club biancorosso – Una donna meravigliosa. Durante la stagione torneistica, abbiamo avuto la fortuna di conoscerla meglio. Si è messa a disposizione della società con serietà, impegno e tanta voglia di fare. Piera era garbata, cordiale, aveva sempre una buona parola per tutti. Purtroppo il destino non è stato altrettanto buono con lei. A causa di quel maledetto e tragico incidente, se l’è portata via togliendola all’affetto della famiglia che tanto amava. Ed ora è a loro che tutta la Carcarese si stringe in un immenso abbraccio per cercare di darvi conforto in questo momento così difficile. Che la terra ti sia lieve Piera”.

leggi anche
investimento pedonale Cairo
Allarme
Investimento pedonale in corso Mazzini a Cairo: grave una donna, mobilitato l’elisoccorso
Carcarese in lutto
Lutto
Carcarese in lutto per la scomparsa di Piera Ghia, madre del direttore Roberto Abbaldo
piera ghia
Data
Grave investimento a Cairo, saranno lunedì i funerali di Piera Ghia
Generico dicembre 2021
Vittima di un incidente
A Cairo l’ultimo saluto a Piera Ghia: “Ha vissuto mettendo sempre gli altri al primo posto”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.